La storia di Travis, lo scimpanzé domestico che sfigurò una donna – Una Tazza D’horror #17

Condividi

Bentornati su Una Tazza D’horror, la vostra rubrica preferita dove parliamo di casi irrisolti, omicidi, leggende metropolitane e tanto altro. Abbiamo parlato dei 5 massacri più diffusi avvenuti nel giorno di Natale, nonostante il Natale sia una festa per gioire ed essere tutti felici, si rivela il contrario, quest’oggi parleremo di uno scimpanzé domestico, che sentendo questa parola può farvi intenerire e dire cosa potrà fare mai e invece Travis, lo scimpanzé sfigurò proprio una donna. Non mi dilungo più di tanto e buona lettura!

Se volete consigliarci dei casi da scrivere, potete farlo a fine articolo

travis-scimpanze-una-tazza-dhorror

Chi è Travis e cosa è accaduto?

Travis è uno scimpanzè, nacque il 21 ottobre 1995 in Missouri, in quello che oggi è conosciuto come “Santuario degli scimpanzé”. Sandra Herold e suo marito adottarono l’animale quando aveva solo tre giorni di vita, cresciuto e trattato come un vero e proprio membro della famiglia. Lo scimpanzé divenne poi famoso partecipando in alcuni spot pubblicitari anche per marchi famosi, come quello della Coca-Cola. Essendo cresciuto fra gli umani, Travis era molto socievole e molti vicini ricordano come giocasse con loro e come ubbidisse a Jerome e Sandra.

Questo scimpanzé era, infatti, molto intelligente: poteva aprire le porte, usare chiavi, vestirsi, annaffiare le piante, dare da mangiare ai cavalli della coppia, mangiare a tavola con la famiglia. Sapeva utilizzare il computer per vedere fotografie, guardava la televisione usando il telecomando e si lavava i denti, faceva di tutto come se fosse un essere umano a tutti gli effetti.

travis-scimpanze-una-tazza-dhorror

Per quanto fosse socievole e simpatico però, i suoi padroni non avrebbero dovuto dimenticare che Travis rimaneva pur sempre un animale selvatico. Nel 2003 accadde un piccolo incidente che sarebbe potuto essere interpretato come un campanello d’allarme: mentre Travis e Jerome si trovavano in auto, fermi ad un semaforo, un passante tirò qualcosa che colpì la macchina dell’uomo. Il finestrino dalla parte di Travis era abbassato e l’oggetto lo colpì, spaventandolo. A quel punto lo scimpanzé si tolse la cintura, scese dalla macchina e inseguì l’uomo che lo aveva colpito con l’oggetto, fortunatamente non raggiungendolo. Tuttavia l’animale rimase molto agitato, non voleva rientrare in macchina ed il proprietario fu costretto a chiamare la polizia.

Jerome Herold morì di cancro nel 2004 e il figlio della coppia venne a mancare in un incidente d’auto. Da quel momento Sandra si attaccò a Travis in maniera quasi ossessiva, passando le giornate sempre con lui, dormendo nello stesso letto e facendo il bagno insieme.

Il 16 febbraio 2009 un’amica di Sandra, Charla Nash, di 55 anni, andò a farle visita. Travis conosceva bene la donna, anche se quel giorno aveva un taglio di capelli diverso. Dopo un po’ lo scimpanzé uscì di casa con le chiavi della macchina di Sandra e le due donne lo seguirono per recuperarle. Quando lo scimpanzé vide Charla con uno dei suoi giocattoli in mano la attaccò ferocemente, mordendole e graffiandole il volto con un’efferatezza inaudita.

travis-scimpanze-una-tazza-dhorror

Sandra, che allora aveva 70 anni, cercò di fermare Travis. Prima lo colpì con una pala e poi con un coltello da macellaio. A quanto accaduto la donna, successivamente, dichiarò: “Per me fare una cosa del genere, piantargli un coltello nella schiena, è stato come pugnalare me stessa”.

Dichiarò anche che Travis, dopo essere stato colpito, si girò verso di lei come a dirle: “Mamma, cosa hai fatto?”. Lo scimpanzé si arrabbiò ancora di più e Sandra chiamò il 911, chiedendo aiuto. Inizialmente l’operatore pensò che si trattasse di uno scherzo, ma cambiò idea quando sentì il grado di disperazione della donna, che credeva l’amica morta e stava per sentirsi male. Fu lei stessa a chiedere di mandare degli agenti per sparare allo scimpanzè, che in altro modo non sarebbe potuto essere fermato.

I soccorritori, infatti, arrivarono, ma aspettarono che giungesse la polizia prima di avvicinarsi alla casa. Quando arrivarono, Travis cercò di distruggere anche quelle. Fu così che uno dei poliziotti lo prese a colpi. Le ferite di Charla, invece, erano gravissime. La donna venne sottoposta a più di sette ore di chirurgia a volto e arti da una squadra di quattro chirurghi.

In seguito all’attacco la donna perse le mani, il naso, gli occhi, le labbra e la struttura ossea del volto, oltre ad avere diversi traumi cerebrali.
I dottori riuscirono a ricostruirle la mascella ma, purtroppo, a causa di questa tragedia, Charla rimarrà per sempre cieca.

La famiglia della donna cominciò una raccolta fondi per pagare i conti astronomici delle operazioni e Charla si mostrò per la prima volta al pubblico durante “The Oprah Winfrey Show” nel novembre 2009.

Nel 2011 venne sottoposta ad un trapianto di mani e di faccia, ma in seguito a delle complicanze le mani furono asportate. Il corpo di Travis venne esaminato in seguito all’incidente, ma non venne trovato infetto da rabbia. In compenso, nell’organismo dell’animale era presente dello Xanax, un ansiolitico, che Sandra gli aveva somministrato prima dell’attacco.

Se vuoi, dicci il tuo nome
close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.