Titus Low, creator di OnlyFans, arrestato per aver pubblicato “contenuti osceni”

Condividi

Il creator di OnlyFans Titus Low, 22enne, è stato arrestato a Singapore il 29 dicembre scorso, accusato di aver pubblicato del «materiale osceno su una piattaforma online – OnlyFans», dove il ragazzo ha più di 174.000 followers e abbonati che gli permettono di riuscire a guadagnare delle grandissimi cifre mensilmente. Tuttavia, per la polizia di Singapore, una città asiatica a sud della Malesia, il sex work non è un vero e proprio lavoro, per cui è stato arrestato per aver pubblicato più volte dei contenuti nudo sul profilo.

titus-low-onlyfans-arrestato
Titus Low

Sulla pagina della polizia di Singapore troviamo tutta la storia, che inizia il 4 settembre 2021, quando la polizia ha ricevuto un rapporto che rendeva nota la figura di Titus Low, un 22enne che continuava a trasmettere online dei «materiali osceni sotto forma di immagine e video delle sue parti private tramite il suo account OnlyFans». L’11 ottobre, quindi, la polizia ha sequestrato il suo account e ha notificato al giovano il divieto ai sensi dell’articolo 39(1)(d)(i) del codice di procedura penale di accedere al proprio account.

Titus Low è stato avvertito nel momento in cui ha ricevuto la notifica, e violare quell’ordine avrebbe significato macchiarsi di un reato penale. Nonostante ciò, il ragazzo ha scritto agli amministratori di OnlyFans affermando che il suo account non fosse protetto e che la sua password era stata reimpostata, riuscendo quindi a riconnettersi sul proprio profilo e continuando a condividere del materiale vietato, «utilizzando l’account o uno secondario».

Il ragazzo è quindi accusato di aver violato l’articolo 39(1)(d)(i) del Codice di Procedura Penale che gli vietava di accedere al proprio profilo e questo comporterà una multa non superiore a $5000 o una pena detentiva non superiore a 6 mesi o entrambi. In più, «per la presunta trasmissione elettronica di materiale osceno attraverso due account su Onlyfans, l’uomo sarà accusato di due reati ai sensi della Sezione 292(1)(a) del Codice Penale, che comporta una pena detentiva fino a tre mesi, una multa, o entrambi».

«La polizia desidera ricordare al pubblico che è illegale ai sensi del codice penale trasmettere qualsiasi materiale osceno per via elettronica. È inoltre contro la legge partecipare o ricevere profitti da qualsiasi attività in cui materiali osceni sono trasmessi per via elettronica o pubblicizzare la vendita di materiali osceni. I cittadini possono presentare un rapporto di polizia se sono a conoscenza di persone che svolgono tali attività».

La storia di Titus Low

Dopo che il 4 settembre il giovane è stato arrestato, quando è tornato a casa su cauzione in attesa del processo che prenderà atto il 30 gennaio, ha raccontato la sua storia su Youtube, in un video lungo 8 minuti. «Creiamo contenuti solo per le persone che hanno la nostra età e desiderano avere contenuti che vogliono vedere», ha detto il ragazzo. Vi ricordo che su OnlyFans, che è il social più usato dai sex worker, possono accedere solo le persone maggiorenni.

«Tutto è consensuale. Non costringiamo nessuno a guardare i nostri contenuti né costringiamo nessuno a pagare. OnlyFans non è aperto al pubblico consumo e se non intralcio la tua vita e il tuo stile di vita, perché mi avete denunciato?», ha innocentemente chiesto Titus Low, che ha deciso di aprire un profilo su OnlyFans a causa di problemi finanziari. «Non è stato un viaggio facile, come dice la maggior parte delle persone. In superficie, sono stato io a fare soldi facili. Posto solo foto di me stesso e ci faccio dei soldi… ma il viaggio è stato piuttosto duro», ha confessato.

Infatti, da quando Titus Low guadagna davvero tanto e quindi ha molto seguito, ha avuto dei problemi. «So che mi sono messo in gioco, ma le persone a volte non si rendono conto che anche io sono umano. potessi scegliere di riavvolgere il tempo, ovviamente avrei più esperienza e uno stile di vita più sostenibile. Penso che poiché sono giovane e voglio solo divertirmi, voglio avere la vita che ho sempre sognato». «Voglio solo indietro alla mia vita», ha detto, affermando anche di star collaborando con le autorità sperando anche che il suo sia l’ultimo caso del genere.

titus-low-onlyfans-arrestato

Noi ci auguriamo che Titus Low possa ottenere la giustizia che merita, e che nessuno mai più sia denunciato per postare dei contenuti sessualmente espliciti su siti dove è consentito.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.