Tag: violenza sulle donne

Violenza digitale sulle donne: un problema che diviene sempre più serio
Opinioni attuali

Violenza digitale sulle donne: un problema che diviene sempre più serio

Revenge porn, cyber-flashing, doxing, body shaming. Sono solo alcune delle violenze digitali a cui le donne ogni giorno sono sottoposte. In genere, però, si tende a generalizzare e chiamare tutto: revenge porn, e questo porta solo a minimizzare il problema. Se un ragazzo invia una dickpic non desiderata a una ragazza (cyber-flashing), non è revenge porn. Se condivide tutti i suoi dati con un gruppo di sconosciuti, è doxing, non revenge porn. Per non parlare dei deep fake porn, dove addirittura il corpo nudo o pornografico non è della vittima, ma vi è solo inserito il volto. Fonte: Pinterest Secondo un rapporto pubblicato da Women’s Aid, il 45% delle vittime di violenza domestica ha subito una qualche forma di abuso online durante mentre il 48% è stato oggetto di molestie o abusi onl...
Chieti: 74enne uccide la moglie, ennesimo femminicidio
News dal mondo

Chieti: 74enne uccide la moglie, ennesimo femminicidio

Il 2021 è quasi finito, eppure siamo davanti all'ennesimo femminicidio. Lo scorso novembre abbiamo visto quanto grave fosse la situazione, con quasi 100 donne uccise dal proprio partner, e molte di queste avevano anche denunciato. Non è però il caso del femminicidio a Casalbordino, dove un uomo di 74 anni ha confessato l'omicidio della moglie che ha poi buttato nel fiume. Tuttavia, violenza precedente o no, l'uomo è un assassino e non va in alcun modo difeso. L'unica vittima di questa tragedia, è Maria Rita Conese. Fonte: FreePik I dati condivisi dalla Polizia Criminale e pubblicati sul sito del Viminale in occasione della Giornata contro la violenza sulle donne, parlano fin troppo chiaro. Su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal 1° gennaio 2021 al 21 novembre 20...
Winlet: il dispositivo che ti fa sentire al sicuro
Consigli

Winlet: il dispositivo che ti fa sentire al sicuro

Ieri è stata la giornata mondiale contro la violenza sulle donne e, leggendo i dati, ci siamo resi conto che in tantissime situazioni le donne hanno bisogno d'aiuto. Winlet, il prodotto che vi presenteremo oggi, fa proprio questo: aiuta le donne quando ne hanno più bisogno. Certo, non ci sarebbe bisogno di aiutare le donne se gli uomini cominciassero a trattarle come persone e non come degli oggetti, ma finché non riusciranno a vederci come tale, la tecnologia di Winlet ci protegge dalla violenza. Fonte: sito ufficiale La tecnologia si adegua alla società che la crea, e la società di oggi ha bisogno di proteggere le donne da uomini non educati al rispetto. Ha bisogno che davanti a dei dati che dimostrano come delle donne quotidianamente vengano stuprate, picchiate o abusate, non ven...
Giornata contro la violenza sulle donne: ci dicono di denunciare ma non ci proteggono
Opinioni attuali

Giornata contro la violenza sulle donne: ci dicono di denunciare ma non ci proteggono

Per questa giornata contro la violenza sulle donne, in cui le persone di sesso maschile si divideranno in chi fino a ieri mandava la dickpic in privato a qualunque persona di sesso femminile ma oggi "le donne non si toccano neanche con un petalo di rosa", e chi invece piagnucolerà perché "non esiste una giornata contro la violenza sugli uomini" e dirà che questa è inutile, vogliamo proporvi una riflessione. Molto spesso, su internet, ci capita di leggere "donna uccisa", "donna picchiata", "donna assalita", da un proprio ex compagno. "Lo aveva denunciato". Poi le forze dell'ordine, facendo le condoglianze, aggiungono "l'importanza di denunciare". Ma la gran parte delle donne denuncia, e non viene protetta. Risale alla scorsa settimana l'ultimo femminicidio. A cinque giorni prima della g...
Femminicidio nello Spezzino: 25enne uccisa dall’ex compagno
News dal mondo

Femminicidio nello Spezzino: 25enne uccisa dall’ex compagno

Femminicidio in una villetta alla periferia di Castelnuovo Magra (La Spezia): una ragazza di 25 anni è stata uccisa dall'ex compagno mentre il figlio e un'amica della donna presenti in quel momento in casa si erano nascosti nel bagno per sfuggire alla furia omicida dell'assassino. I vicini hanno chiamato i carabinieri ma, quando sono arrivati insieme ai vigili del fuoco era ormai troppo tardi per la donna. L'omicida invece era ancora presente in casa e, dopo aver attacato gli agenti, è stato arrestato. Fonte: Pinterest Non finiranno mai, finché la cultura e la società non cambierà, non migliorerà, continueremo ad avere un femminicidio ogni tre giorni, o meno. Finché le donne non saranno viste come delle persone e non come degli oggetti, le morti non potranno cessare. E non importa l...