Ravanusa: 9 morti e 2 sopravvissute in seguito al crollo di una palazzina [IN AGGIORNAMENTO]

Condividi

Sono delle ore con il fiato sospeso a Ravanusa, in provincia di Agrigento. In seguito a una perdita di gas nella rete di metano c’è stata una grande esplosione nel paesino, che ha fatto crollare tre casa e ne ha danneggiate altre tre. Al momento, purtroppo, sono stati trovati i corpi senza vita di 2 persone, mentre sono ancora 7 i dispersi. Inizialmente si pensava che fosse stata colpa dell’esplosione di una bombola del gas, ma poi la causa è stata chiara. Sono tantissimi gli sfollati, tantissime le persone coinvolte e che cercano, in qualche modo, di dare una mano.

ravanusa-vittime-e-dispersi
Twitter dei Vigili del Fuoco

Tra le persone ancora disperse c’è anche una giovane infermiera incinta al nono mese insieme a suo marito, mentre all’alba il sindaco di Ravanusa, Carmelo D’Angelo, ha smentito la notizia che stava girando secondo cui fra i dispersi ci fossero anche dei bambini. Ci sono però, comunque, ancora sette persone da salvare ma a rendere tutto più complesso, sin dall’inizio della tragedia, è stato un grave incendio. Adesso dobbiamo solo aver fiducia nei vigili del fuoco e sperare che tutti stiano bene.

La Repubblica ha intervistato una donna di 80 anni, Carmina, estratta viva insieme a sua cognata dalle macerie: «È improvvisamente andata via la luce, poi sono venuti giù il tetto e il pavimento». I vigili del fuoco del paese sono riusciti a salvarla anche grazie al suo aiuto, grazie alle sue urla che hanno permesso alle autorità di localizzarla in mezzo a tutte le macerie, insieme a sua cognata che si trovava al piano inferiore. Mancano però ancora delle persone all’appello.

Intanto il comandante dei vigili del fuoco di Agrigento, Giuseppe Merendino, ha spiegato che «il gas si è accumulato o nel sottosuolo o in un ambiente chiuso. A innescare l’esplosione potrebbe essere stata anche l’attivazione dell’ascensore», ma al momento non si esclude alcune ipotesi. Ovviamente è stata aperta un’indagine da parte di Italgas per capire cosa sia realmente successo, ma non prima di aver completamente messo in sicurezza l’area che Salvo Cocina, capo del dipartimento regionale della Protezione Civile, paragona a Beirut.

Il procuratore della Repubblica di Agrigento, Luigi Patronaggio ha invece annunciato l’apertura di un’inchiesta: «Questo è il momento dei soccorsi. Domattina, quando interverrà la squadra speciale dei vigili del fuoco da Palermo, interverrà anche la Procura. Al momento abbiamo notizie di dispersi, dobbiamo aspettare e capire». Il sindaco della città invece lancia un appello: «C’è stato un disastro. Chiunque abbia autobotti e mezzi meccanici ci dia una mano. Chiunque abbiano pale e ruspe vengano a dare una mano».

Non appena avremo altre notizie aggiorneremo l’articolo.

Purtroppo sono stati trovati senza vita quattro corpi di persone, tra cui anche quello della giovane donna che mercoledì avrebbe partorito, insieme al marito. Sale a quota sette il numero delle vittime, ancora due i dispersi. Intanto continuano le indagini su cosa abbia causato l’esplosione, un’indagine che sarà condotta «sotto il coordinamento della Procura di Agrigento con la massima scrupolosità e rapidità possibili, per garantire tutte le risposte che i cittadini si attendono».

Ultimo aggiornamento: sono stati trovati, purtroppo senza vita, i corpi degli ultimi due dispersi. Raggiungiamo quindi la quota nove, con solo due persone sopravvissute. È una disgrazia, è una tragedia, e tutte queste persone meritano giustizia, le loro famiglie e i loro amici meritano di sapere cos’è successo, cos’ha causato l’esplosione di una palazzina, portando via per sempre i loro affetti.

Ravanusa: le immagini e i video

Tanta solidarietà a Ravanusa da parte dello staff di Cup of Green Tea.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.