La Camera degli USA approva il disegno di legge per tutelare il matrimonio LGBT

Condividi

La Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha approvato nella giornata di ieri, 20 luglio, un disegno di legge a tutela dei diritti dei matrimoni LGBT, dopo che la decisione della Corte Suprema di ribaltare Roe contro Wade ha messo in pericolo precedenti simili che proteggevano i diritti alle relazioni omosessuali e alla contraccezione. Quindi, almeno per adesso, c’è una bella notizia proveniente dagli USA, ed è anche l’unica in questo periodo.

Sparatorie, aborti negati a bambine vittime di stupro, diciamo che gli Stati Uniti non stanno esattamente vivendo uno dei loro migliori periodi. Si dice di voler proteggere la vita dei bambini, ma quando una bambina è vittima di stupro e rimane incinta, si fa di tutto per cercare di non farla abortire (parliamo di una bambina di 10 anni), e non si fa niente per le armi, con cui sono morti tantissimi bambini in diverse sparatorie. La più popolare quella in Texas.

matrimonio-lgbt-usa
Fonte: Pexels

Quello alla Robb Elementary School, è solo l’ennesimo caso in cui le vittime sono delle persone innocenti, dei bambini su cui non puoi dire neanche che si trovavano lì “al momento sbagliato“. Perché quello era il momento esatto in cui dovevano trovarsi nella loro scuola, al sicuro da tutto e da tutti. Nella scuola dove il peggio che può succederti è di prendere un brutto voto. E invece abbiamo il bullismo, abbiamo i professori che hanno dimenticato come si insegna e abbiamo le sparatorie scolastiche. Sarebbe bello dire “questa in Texas sarà l’ultima“. Ma finché negli USA si continuerà a vietare l’alcool fino ai 21 anni per poi regalare armi ai quindicenni, la situazione non cambierà mai.

E con l’aborto la situazione non è migliore: «la Costituzione non fa alcun riferimento all’aborto e nessun diritto del genere è implicitamente protetto da alcuna disposizione costituzionale, inclusa quella su cui ora si basano principalmente i difensori di Roe e Casey: la Due Process Clause del quattordicesimo emendamento». «Quella disposizione è stata ritenuta garante di alcuni diritti che non sono menzionati nella Costituzione, ma qualsiasi diritto del genere deve essere ‘profondamente radicato nella storia e nella tradizione di questa nazione’ e ‘implicito nel concetto di libertà ordinata», ha detto il giudice Samuel Alito.

Ma adesso, finalmente, c’è una bella notizia.

Matrimoni LGBT, USA: approvato disegno di legge a tutela dell’uguaglianza matrimoniale

Il disegno di legge, passato alla Camera controllata dai democratici con un voto di 267-157 e con il sostegno di 47 repubblicani, stabilisce tutele federali per i matrimoni gay e vieta a chiunque di negare la validità di un matrimonio basato sulla razza o sul sesso della coppia. In altre parole, nessuno può dire che due uomini o due donne che si sono legalmente sposati, sono marito e moglie. Adesso però la situazione passerà in mano al Senato, dove le quote sembrano essere equamente divise.

matrimoni-lgbt-usa
Fonte: Pexels

Il presidente della commissione giudiziaria della Camera, Jerrold Nadler, ha pubblicizzato il disegno di legge dopo che la Corte Suprema ha ribaltato la storica sentenza del 1973 Roe v. Wade. Secondo il giudice Clarence Thomas la corte dovrebbe anche riconsiderare le precedenti sentenze che garantivano l’accesso alla contraccezione e il diritto al matrimonio gay del 2015, perché si basavano sugli stessi argomenti legali di Roe.

Diversi repubblicani del Congresso hanno fatto eco all’opinione di Thomas. Il senatore repubblicano Ted Cruz, ad esempio, ha affermato sabato che l’alta corte aveva “chiaramente torto” nello stabilire un diritto federale al matrimonio gay. I democratici hanno sostenuto che il Congresso deve sancire il diritto al matrimonio gay nella legge federale nel caso in cui la corte riveda le sue precedenti sentenze.

«I diritti e le libertà che abbiamo imparato ad amare svaniranno in una nuvola di ideologia radicale e ragionamento legale dubbio», ha detto Nadler in una dichiarazione. Secondo il disegno di legge della Camera, gli stati potrebbero ancora limitare i matrimoni gay se la Corte Suprema annullerà la sua precedente sentenza, proprio come con quella sull’aborto. Ma questi stessi stati sarebbero tenuti a riconoscere i matrimoni avvenuti negli stati in cui rimangono legali.

matrimonio-lgbt-usa
Fonte: Pexels

Domani la Camera voterà un disegno di legge per garantire l’accesso nazionale alla contraccezione, un altro diritto che Thomas ha suggerito alla corte di rivedere. Secondo il leader democratico al Senato, Chuck Schumer, la situazione sarà complessa, in quanto «questa è una Corte Suprema Maga. Una Corte Suprema Maga, estremista di destra». Maga, per chi non lo sapesse, sta per “Make America Great Again“, ovvero lo slogan di Donald Trump.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.