Twitch introduce Hot Tub: categoria creata ad hoc per le donne che vogliono streammare in costume

Condividi

Twitch ha annunciato la creazione di una nuova categoria “Pools, Hot Tubs, and Beaches“, in cui le persone, più che altro le ragazze e qualche ragazzo che fa la parodia di queste ragazze, fanno delle live da piscine, vasche da bagno o spiagge, in costume da bagno. Per curiosità, per vedere che tipo di contenuti portano queste streamer, sono entrata in più dirette, e sono rimasta estremamente delusa. Da loro come anche da coloro che le guardano, molti dei quali vogliono solo trastullarsi.

Cosa sono i video hot tub? In poche parole, per essere brevi, sono live di ragazze in bikini che ballano oppure parlano con i loro fans mentre sono in una piscina, che può essere una piscina vera e propria oppure una vasca da bagno o, ancora, una piscina in gomma creata nella propria casa, alcune persino nella propria stanza. In molti si lamentavano di questi contenuti, poiché «Twitch è una piattaforma per gamer», persino ad alcune ragazze non andavano bene poiché loro si impegnano in giochi e devono vedersi superate da colleghe che non fanno letteralmente nulla.

hot-tube-twitch
Amouranth su Twitch

Perché quindi Twitch ha deciso di creare una categoria ad hoc per gli hot tub? È successo che qualche giorno fa una delle streamer dell’hot tub più cliccate, Amouranth, alias di Kaitlyn Siragusa, ha comunicato sul proprio profilo Twitter che Twitch le aveva disattivato la monetizzazione proveniente dalle pubblicità sul suo canale. La ragazza si lamenta del fatto che la piattaforma non l’abbia in alcun modo avvisata prima di farlo, facendo trovare quindi da un giorno all’altro senza alcuna entrata dalle pubblicità.

Ovviamente, considerando quanto il canale di Amouranth sia seguito (al momento è in live e quasi 20k persone la stanno guardando mentre balla in una piscina in costume), Twitch non poteva lasciare la questione irrisolta, tuttavia non poteva neanche permettere che delle persone che pagano per avere la propria pubblicità sulla piattaforma, smettessero di dare loro dei soldi. La soluzione, quindi, l’ha trovata e spiegata nel blog ufficiale: è stata già creata una categoria ad hoc in cui le streamer, senza ovviamente violare la policy sulla nudità e sui contenuti pornografici, potranno esibirsi in bikini, e gli advertiser potranno scegliere le categorie in cui far vedere le proprie pubblicità.

Twitch creare la categoria per gli hot tub

«Essere ritenuti sexy da altri utenti non è contro le nostre regole e Twitch non intraprenderà azioni contro le donne, o chiunque faccia parte del nostro servizio, a causa dell’attrazione che suscitano», scrive lo staff di Twitch sul blog ufficiale, sottolineando poi che «sotto le nostre attuali politiche Nudity & Attire e Sexually Suggestive Content, le streamer possono indossare costumi da bagno in situazioni contestualmente appropriate (in spiaggia, in una vasca idromassaggio, per esempio), e permettiamo l’espressione creativa come body writing e body painting, a condizione che lo streamer abbia una copertura adeguata come indicato dalla nostra politica di abbigliamento».

La nuova categoria Pools, Hot Tub, and Beaches su Twitch

I contenuti completamente nudi o sessualmente espliciti non sono consentiti su Twitch, in tutte le categorie, che siano hot tub o qualche gioco. La piattaforma ha semplicemente deciso di non vietare gli hot tub, di trovare un compromesso con chi paga loro per avere pubblicità e comunque di dare dei limiti alle hot tubers. Ha anche sottolineato che «nessuno si merita di essere attaccato per il contenuto che sceglie di streammare, per il proprio aspetto, o per chi é, e prenderemo seri provvedimenti contro chiunque perpetri questo tipo di azioni tossiche sul nostro servizio».

Nello stesso blog ha dedicato un paragrafo ad Amouranth, senza però citarla in prima persona: «Su Twitch, le aziende scelgono dove e quando far apparire le loro pubblicità. Possono scegliere anche di evitare alcune categorie o contenuti e segnalare canali che non rientrano nei loro standard. Questo significa che Twitch, in casi rari, sospenderà la pubblicità su un canale a seconda delle richieste delle aziende. Recentemente abbiamo sospeso la monetizzazione su alcuni di questi canali segnalati dalla maggioranza delle aziende e purtroppo non siamo riusciti a comunicarlo in anticipo».

hot-tube-twitch
Solo alcuni dei commenti sotto dei video di ragazze che fanno Hot Tub

Spiegano poi le motivazioni per cui hanno introdotto Hot Tub come categoria: «in questo modo sebbene non sia la nostra soluzione a lungo termine, gli streamer potranno continuare a streammare in questa nuova categoria (sempre rispettando le linee guida), gli spettatori avranno più possibilità di evitare certi tipi di contenuto e le aziende potranno scegliere con più precisione se apparire o meno in questa nuova categoria». Per cui, come potete leggere, non è una soluzione definitiva ma solo temporanea.

E voi, cosa ne pensate di questa situazione? È corretto che queste ragazze che, sia chiaro, possono liberamente decidere come mostrare il proprio corpo, lo facciano in una piattaforma come Twitch, molte allegando link esterni in cui è presente anche Only Fans (e su Twitch ci sono anche molti minorenni)? Vedremo come si muoverà la piattaforma, che comunque nasce come streaming di videogiochi, in futuro, se proverà a limitare questo fenomeno o se, invece, continuerà a far guadagnare le donne con il proprio corpo.

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Erasmus: perché esiste il luogo comune della nullafacenza?
Next post «Questo è il karma» davanti alla tragedia della funivia: francesi pessimi per il secondo posto all’Eurovision