Twitch ha bannato il canale di Amazon Prime ufficiale

Condividi

Twitch ha fatto un’altra vittima. Dopo aver dato praticamente la caccia alle ragazze che usano la piattaforma come un soft-Cam4, leccando microfoni e indossando costumi da bagno, adesso si è scagliato contro il canale di Amazon Prime Video spagnolo, che è stato bannato a causa di un capezzolo in un video e sappiamo che per il regolamento è vietato mostrare qualsiasi parte del corpo che possa essere sessualizzata in qualche modo, inclusi i capezzoli femminili. Questo perché sulla piattaforma ci sono anche dei minorenni.

twitch-banna-amazon-prime-video

Sono tante le persone che si lamentano dell’onda che la piattaforma ha iniziato a seguire a causa di alcune streammer, poiché «Twitch è una piattaforma per gamer», persino ad alcune ragazze non andavano bene poiché loro si impegnano in giochi e devono vedersi superate da colleghe che non fanno letteralmente nulla se non mostrare il proprio corpo oppure leccare un microfono. Sia chiaro, my body my choice e ognuna è libera di fare quel che vuole sul proprio profilo, tuttavia il social nasce come piattaforma per appassionati di giochi. Ci sono tantissimi siti (che alcune già usano, tra l’altro) in cui è possibile vendere il proprio corpo tramite foto, video o live.

Tuttavia, lo staff cerca sempre un modo per tenersi care le ragazze, tanto che sul blog ufficiale scrissero che «essere ritenuti sexy da altri utenti non è contro le nostre regole e Twitch non intraprenderà azioni contro le donne, o chiunque faccia parte del nostro servizio, a causa dell’attrazione che suscitano», sottolineando che «sotto le nostre attuali politiche Nudity & Attire e Sexually Suggestive Content, le streamer possono indossare costumi da bagno in situazioni contestualmente appropriate (in spiaggia, in una vasca idromassaggio, per esempio)».

Tuttavia, un conto è fare delle live in Hot Tub in costume da bagno leccando un microfono, un altro è far vedere un capezzolo senza alcuna censura. E neanche il fatto che sia Prime Video che la piattaforma per streammer facciano parte dell’azienda di Amazon (quindi è come se si fossero auto-censurati).

Perché il profilo di Amazon Prime Video è stato bannato da Twitch

La protagonista di questo ban è Henar Alvarez, conduttrice dello show “Esto es un late” per Amazon Prime Video su Twitch, che ha deciso di provocare, in modo molto innocente, gli spettatori. Verso la fine della puntata, infatti, la ragazza ha detto che «andiamo per il ban», cominciando a spogliarsi in modo scherzoso, senza però rendersi subito conto dell’inconveniente e facendo quindi vedere un capezzolo che è costato al profilo il ban dalla piattaforma.

twitch-banna-amazon-prime-video
La conduttrice di Prime Video

È comunque il primo provvedimento, per cui Amazon Prime Video Spagna è stato bannato per sole 24 ore, per poi tornare online senza alcun problema e con le scuse ufficiali da parte della conduttrice, sempre in modo ironico tanto che ha promesso che, da quel momento in poi, avrebbe indossato il reggiseno sotto la maglia per evitare di infrangere ancora il regolamento della piattaforma che vieta a coloro che «si presentano come individui di genere femminile» di mostrare capezzoli o la parte inferiore del seno.

twitch-banna-amazon-prime-video

Autore

  • Giulia, 23 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Michela Murgia nella bufera, e le “scuse” sono peggio dell’insulto
Next post Stop alle pellicce vere: niente più allevamenti e animali da pelliccia