Spy x Family: una serie anime che piace proprio a tutti [SPOILER FREE]

Condividi

Non mentite: magari non avete visto Spy x Family, magari non siete neanche appassionati di anime… Però avete visto almeno una volta, sui vari social, la foto di quella tenera bimba con i capelli rosa, oppure di quella bomba di madre che in realtà è un sicario, e perché no, anche quell’affascinante padre che, in realtà, è una spia. Ieri è andato in onda l’ultimo episodio prima della pausa, per cui abbiamo deciso di parlarne e consigliare a tutti questa innovativa serie che piace proprio a tutti. La trovate in streaming su Crunchyroll (o in tutti gli altri siti illegali, ma ci dissociamo).

spy-x-family-recensione

Parliamo in primis della trama e dei protagonisti, poi dei motivi per cui dovreste vederlo. Spy x Family è ambientata in due nazioni europee immaginarie, Westalis e Ostania, che, seppur culturalmente simili, dopo un sanguinoso conflitto intrattengono rapporti tesi nella cornice di una guerra fredda alternativa. Cercando di mantenere il fragile rapporto di pace, l’agente noto come “Twilight” si è infiltrato nella militarizzata Ostania sotto il nome fittizio di Loid Forger, con lo scopo di scoprire e sventare le macchinazioni di Donovan Desmond, leader del partito militarista, e scongiurare lo scoppio delle ostilità.

Per fare ciò, però, ha bisogno di una nuova vita, e per questo si crea una famiglia fittizia e iscriva la sua pseudo figlia nella prestigiosa Eden Academy, frequentata dal figlio di Desmond. Loid si finge un giovane psichiatra vedovo, decidendo di adottare un’orfana di nome Anya e di sposare Yor, all’apparenza una semplice dipendente statale, costruendo una famiglia che risulti credibile agli occhi di tutti. La realtà, però, è molto diversa.

Twilight è una spia caratterizzata da una straordinaria abilità mnemonica, di calcolo e travestimento; Anya, all’insaputa di tutti e dello stesso Loid, possiede la capacità di leggere nel pensiero, in seguito a degli esperimenti che erano stati condotti su di lei; la moglie Yor è invece un’abilissima assassina, nota come Thorn Princess, e tiene nascosta a tutti, persino al fratello, la sua vera professione. Nessuno, quindi, sa dell’identità degli altri (tranne Anya, ovviamente, che legge nel pensiero e quindi sa la vera identità di madre e padre, e in questo modo cerca anche di aiutare il suo papà).

Potrebbe interessarvi: 10 anime da guardare su Netflix per avvicinarti alle serie d’animazione giapponesi

Spy x Family: vale la pena guardarlo? [SPOILER FREE]

Perché Spy x Family ha ottenuto così tanto successo? Secondo la mia personale opinione, perché è una serie fuori dal comune. Non ne hai mai vista una simile. Gli shōnen sono dei manga e degli anime che sono indirizzati in genere a un pubblico maschile. Degli esempi sono Dragon Ball, Naruto, One Piece, Death Note,… Poi, ovviamente, si tende a pensare che siano per ragazzi perché ci sono dei combattimenti, ma nella realtà dei fatti lo guardano anche le ragazze. Spy x Family, comunque è uno shōnen un po’ diverso.

spy-x-family-recensione

Abbiamo una spia astuta che si cela dietro un bell’uomo, abbiamo un sicario letale che si nasconde dietro un viso dolce e affettuoso, e poi Anya, una bambina dolce che si comporta davvero come una bambina. Gioca, studia (o almeno ci prova), fa nuovi amici e cerca di essere sempre se stessa, pur aiutando il suo papà. Anya legge nella mente e già questo la rende diversa, ma non combatte, non ha abilità di combattimento fuori dal comune. È solo una bambina, che spesso chiede anche aiuto alla sua mamma. E per questo l’amiamo.

Oltre a ciò, poi, la serie è tanto divertente, ha un umorismo tutto suo che si mischia a intrighi e misteri. La prima cotta del secondo figlio nei confronti della piccola Anya ci ha fatto tanto ridere, così come i tantissimi tentativi della piccola di aiutare il padre, a volte anche peggiorando la situazione perché lei è una bambina comune e ama dormire, ama giocare e guardare il suo cartone preferito. Ma ti fa anche commuovere (qualcuno non ha pianto in quella scena dell’ospedale?).

spy-x-family-recensione

I legami familiari, il tenere l’uno all’altro anche se non si è davvero una vera famiglia, il fatto di assistere quasi a un dietro le quinte di una storia di spie, rende Spy x Family una delle serie più belle, adatte davvero a tutti. È un mix perfetto tra azione e commedia, che ti fa affezionare ai personaggi e desiderare di vedere un episodio dopo l’altro. Personalmente, io non vedo l’ora che sia Yor che Loid scoprano l’uno l’identità dell’altro (prima o poi dovrà pur avvenire, giusto?) e soprattutto che venga introdotto ufficialmente il cagnolone Bond. Speriamo che ottobre arrivi al più presto!

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.