La Casa di Carta, parte 5: dove eravamo rimasti?

Condividi

Fra due giorni usciranno gli ultimi episodi di La Casa di Carta, la serie tv che negli ultimi anni ha fatto avvicinare tantissime persone a Netflix. Potrebbe essere considerata la prima serie che ha fatto ottenere davvero tantissimo successo alla piattaforma di streaming e che tutti hanno visto almeno una volta. Adesso, dopo anni in cui ne abbiamo viste davvero di tutti i colori e in cui ovviamente Netflix ha fatto allungare il brodo fino a farlo divenire immangiabile, siamo arrivati alla seconda parte dell’ultima stagione, ma non pensate di dire addio alla serie: è stato appena annunciato lo spin-off su Berlino!

la-casa-di-carta-dove-eravamo-rimasti
La Casa di Carta

Facciamo una premessa: continuiamo a leggere “stagione 5, volume 2“, ma in realtà su Netflix non leggiamo “stagioni“, bensì “parte“. Questo significa che è una grande stagione divisa in più parti. Al momento ne abbiamo cinque, e potremmo dividerle in due grandi stagioni che seguono tre fili narrativi. Nel primo c’è la rapina e la fuga. Nella seconda il ritrovamento di Rio e la fuga. Nella terza, sempre la fuga, ma soprattutto il salvataggio. Vediamo, molto in breve senza scendere nel dettaglio, quello che abbiamo visto.

Nella prima stagione della Casa di Carta abbiamo conosciuto i personaggi, dei criminali guidati da Il professore scelti non a caso ma proprio per le proprie abilità, che cercano di irrompere nella Fábrica Nacional de Moneda y Timbre a Madrid, far stampare migliaia di milioni di banconote e scappare con il denaro. La prima stagione si conclude ovviamente con un lieto fine: riescono a fuggire e tutti vissero per sempre felici e contenti. No, ovviamente, ci sono altre quattro stagioni.

Nella seconda stagione i componenti del gruppo si riuniscono nuovamente quando Rio viene catturato dalla polizia, e decidono di aiutarlo organizzando un altro colpo: rubare l’oro della Banca di Spagna. Questo colpo era stato concepito 5 anni prima da Berlino e da Martín, suo amico che partecipa alla nuova rapina con il nome di Palermo e il ruolo di capo, visto che Berlino è morto ucciso delle Squadre Speciali alla Zecca. Ovviamente riescono nell’intento, ma intanto il professore viene scoperto da Alicia Sierra, la detective che lavora sul caso dopo che la Murillo si è unita alla squadra con il nome di Lisbona.

Riguardo l’ultima parte, vediamolo con più dettaglio, visto che è quello che ci serve sapere di più prima di vedere questi ultimi episodi che saranno pubblicati fra due giorni. Ovviamente, non penso sia necessario scriverlo poiché dovrebbe essere scontato, ma in questo articolo sono presenti possibili spoiler della quinta parte de La Casa di Carta.

La Casa di Carta: dove eravamo rimasti?

la-casa-di-carta-dove-eravamo-rimasti
Tokyo che si fa saltare in aria nella penultima parte de La Casa di Carta

Sì, la pausa di stagione per molti è stata traumatica. Abbiamo letteralmente finito la stagione con la morte di Tokyo, quella che nessuno di noi pensava che sarebbe morta perché, insomma, è la narratrice, come può morire la narratrice? E invece no, si è sacrificata per portare in salvo i suoi amici che si trovano in una situazione abbastanza critica (chissà se continuerà comunque a essere lei la narratrice, ma dal trailer sembra di sì). La Banca di Spagna, da più di 100 ore, è un vero e proprio campo di battaglia.

È da questo punto che probabilmente ricomincerà la seconda e ultima parte dell’ultima stagione. Dobbiamo tenere in considerazione che nella quinta parte abbiamo conosciuto un nuovo personaggio, ovvero il figlio di Berlino che non abbiamo ancora visto in azione nel presente (abbiamo solo visto alcuni avvenimenti del passato, in cui ci presentano il personaggio), quindi molto probabilmente lo vedremo in un certo punto degli ultimi episodi, speriamo salvando la situazione.

In più, Sierra, che pensavamo essere passata completamente dalla parte della banda, in realtà sta tramando qualcosa. Cosa? Non lo sappiamo, ma speriamo di scoprirlo in questa stagione perché… insomma non ci saranno altre stagioni e sarebbe un bel buco di trama non da poco. Ovviamente poi dovremo anche capire come faranno anche questa volta a scappare, se ci riusciranno o no. Ma la situazione è abbastanza tragica. Ma vedremo nella dopodomani, finalmente, e metteremo anche un punto anche su quest’ennesima serie su cui Netflix ha voluto lucrare.

Intanto, vi lasciamo anche il trailer in caso non lo aveste ancora visto, e anche l’annuncio di Netflix sullo spin-off con protagonista Berlino che, sebbene sia morto nella prima stagione, è comunque presente in tutte le stagioni con dei lunghi flashback:

Autore

  • Giulia, 23 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post L’isola di Barbados dice addio alla corona britannica e si autoproclama Repubblica
Next post Polonia: istituito il superprocuratore antiaborto, divorzio e LGBT