Jill Biden: dalla Sicilia alla Casa Bianca, le origini della First Lady

Condividi

Da ormai due giorni è ufficiale: Joe Biden è il 46esimo Presidente degli Stati Uniti e Jill Biden è la sua First Lady, e questo ha reso fieri tutti gli italiani, poiché il nonno di Jill era siciliano e questo rende la moglie del Presidente italiana (a differenza, però, degli immigrati di seconda generazione, nati proprio in Italia, che non sono considerati italiani ma saranno per sempre stranieri, ma questa è un’altra storia).

Joe Biden è Presidente da due giorni, Donald Trump ancora non lo accetta e, insieme ai suoi fan, urla al complotto. Su Twitter i suoi sostenitori minacciano di lasciare gli Stati Uniti perché non si sentono rappresentati da questo presidente (quindi, i sostenitori di Donald Trump amico di Matteo Salvini e che non sostiene l’immigrazione, affermano di voler immigrare, non ci stupiremo mai troppo del karma).

Nel frattempo, però, in Italia si pensa a qualcosa di più importante: Jill Biden, moglie del Presidente e quindi First Lady, ha un nonno siciliano! Per cui, adesso che ha fatto arrivato il suo sangue italiano e siciliano fino alla Casa Bianca e dopo aver conosciuto anche Kamala Harris, prima vice-presidente donna (e questo l’ha fatta ufficialmente entrare nella storia!), facciamo amicizia con Jill Biden, la sua vita, il suo lavoro, insomma, la sua storia.

No, non la presenteremo come una madre (come viene fatto da molte testate per rivolgersi alle donne che, non importa quello che abbiano fatto, se un bronzo alle olimpiadi o una scoperta scientifica, rimangono in primis delle mamme), perché prima di essere una madre e la moglie del Presidente degli Stati Uniti d’America, Jill Biden è una donna.

Jill Biden: una breve biografia

jill-biden-origini-siciliane
Fonte: drbiden su instagram

Jill Biden, nata Jacobs ed ex Stevenson è nata il 3 giugno 1951 ad Hammonton, nel New Jersey, ma ha trascorso gran parte della sua infanzia a Willow Grove, in Pennsylvania (proprio lo stato che ha decretato la vittoria del marito!). Suo padre, Donald C. Jacobs, era un cassiere divenuto con il tempo capo di un’attività di risparmi e prestiti in un quartiere della Filadelfia. La madre, Bonny Jean Jabobs, invece, era una casalinga.

La giovane Jill ha iniziato a rimboccarsi le maniche e lavorare a 15 anni, lavorando nei locali come cameriera mentre nel frattempo frequentava le scuole superiori, dove adorava lo studio della lingua inglese! Questa sua passione la portò verso la professione dell’insegnante, sebbene, anche lei come i giovani di oggi o come qualsiasi altro giovane, non ha avuto la fortuna di trovare subito la sua strada.

Inizialmente, infatti, si iscrive al Brandywine Junion College in pennsylvania, studiando merchandising di moda. Tuttavia, dopo solo un semestre, si rende conto dell’errore della sua scelta. In questi anni sposa Bill Stevenson, acquisendo il suo cognome, un ex giocatore di football al college con cui divorzierà pochi anni dopo. Con lui, nel frattempo, Jill Biden apre lo Stone Balloon a Newark, uno dei locali universitari più conosciuti dello stadio dove si esibivano anche artisti famosi.

In questo periodo decide di prendersi un anno sabatico per pensare al proprio futuro e durante il quale lavora come modella per un’agenzia locale a Wilmington, e infatti decide di iscriversi a un corso d’inglese all’Università del Delaware, laureandosi nel 1975 e iniziando la sua carriera da insegnante, carriera che non ha abbandonato né con la carriera da politico del marito e che non abbandonerà tutt’ora. Per questo, anche Jill Biden entrerà nella storia, come prima First Lady che continuerà il proprio lavoro.

Con Joe ha avuto una viglia, Ashley Blazer, e nel 1981 ha messo in pausa la sua carriera per due anni per occuparsi dei tre figli, ma subito dopo ha ricominciato a lavorare. Dopo questo periodo, però, la carriera di Jill Biden è sempre stata in ascesa, con un master al West Chester State Collage, facendo dei corsi ad adolescenti nell’ospedale psichiatrico del Rockford Center, guadagnandosi una seconda laurea in lingua inglese all’Università di Villanova e anche durante la prima campagna alla presidenza del marito aveva dichiarato che avrebbe continuato a lavorare.

Jill Biden si è più volte dichiarata apolitica, ma dopo che Joe è divenuto vicepresidente sotto Obama e quindi lei è divenuta second lady, ha partecipato ad alcuni comizi insieme alla sua amica ed ex First Lady, Michelle Obama, sebbene continuasse comunque la sua carriera da insegnante, correndo i compiti durante i viaggi in autobus della campagna elettorale.

La storia d’amore con Joe Biden

Conosce Joe Biden grazie a un appuntamento al buio organizzato da Frank, fratello del Presidente. Lui, 9 anni più grande di lei, era già senatore per il Delaware e quello che la colpì erano i suoi modi di fare, tanto che, dopo il primo appuntamento, Jill disse alla madre: «mamma, ho finalmente incontrato un gentiluomo». Quando si sono conosciuti Joe era già vedovo poiché aveva perso la moglie e la figlia piccola in un incidente d’auto, mentre Jill stava divorziando dall’ex marito.

jill-biden-origini-siciliane
Fonte: drbiden su instagram

Non pensate che Jill Biden si sia subito concessa all’oggi Presidente degli Stati Uniti d’America, perché lo ha fatto sudare parecchio! Joe le ha chiesto di divenire sua moglie per quattro anni prima che lei accettasse, questo perché lei voleva essere sicura in modo che i bambini non perdessero un’altra madre e allo stesso tempo voleva concentrarsi sulla sua carriera di insegnante.

«Volevo essere sicura, il matrimonio doveva funzionare: i ragazzi avevano già perso la loro mamma e non ne potevano perdere un’altra. Dovevo essere sicura al 100%», aveva dichiarato la First Lady, ricordando le loro uscite a quattro con i due figli, Beau e Hunter. «Ci siamo sposati in quattro». Ovviamente, all’inizio, non apprezzava neanche il fatto che sarebbe stata sotto i riflettori, ma l’amore per Joe ha superato anche questo suo timore.

Quando si stava pensando di far candidare il marito alle elezioni presidenziale del 2004, lei era contraria, così contraria da interrompere una riunione dello staff in costume da bagno e con la parola “NO” scritta sullo stomaco. Quando fu eletto George W. Bush, però, Jill Biden ha cambiato idea e ha proposto al marito di candidarsi nel 2008: «Mi sono letteralmente vestita di nero per una settimana. Non potevo credere che avesse vinto, perché sentivo che le cose andavano già così male. Ero così contro la guerra in Iraq. E ho detto a Joe: “Devi cambiare questo, devi cambiare tutto questo”».

Vista la passione di Jill Biden per l’insegnamento e quindi la sua capacità di riuscire a parlare con i bambini, nel giugno 2020, quando il marito era ormai candidato democratico per la carica presidenziale, ha pubblicato un libro per bambini intitolato “Joey: The Story of Joe Biden“, raffigurando Joe come un bambino “coraggioso e avventuroso“, nonostante soffrisse sia di balbuzie che di bullismo.

Le origini siciliane del nonno

jill-biden-origini-siciliane
Fonte: drbiden su instagram

E ora giungiamo alle sue origini siciliane, da parte del nonno paterno, Domenico Giacoppo, divenuto negli Stati Uniti Dominic Jacobs, originario di Gesso, paese di 500 abitanti di Messina e dove si trova ancora una sua parente, sua cugina di 64 anni, Caterina Giacoppo: «Non sapevo di avere questa parentela così importante, ma ora che suo marito è diventato presidente, sono davvero felice ed emozionata. La aspetto qui, sarebbe un sogno riceverla...».

Dominic Jacobs aveva solo due anni quando suo padre, Placido Giacoppo, decise di trasferire la famiglia, composta dalla moglie Angela e i quattro figli Antonio, Natalina, Giovannina e Domenico, negli Stati Uniti. La nave, spiega il Messaggero, partì da Napoli e arrivò a Ellis Island. A Gesso c’è anche il certificato che dimostra la partenza della famiglia da Messina. Tonino Macrì, Presidente dell’associazione Rinascita di Gesso, dice:

«Quel certificato attesta la partenza dei Giacoppo da Messina possiamo dunque vantare le origini della signora Jacobs. Abbiamo fatto il tifo perché suo marito diventasse presidente, e ora la prima cosa che faremo sarà invitare la first lady a visitare il paese di origine della sua famiglia».

Jill Biden si è sempre dichiarata una fiera italoamericana, infatti in una recente conferenza di democratici italoamericano ha affermato di essere una «una Philly girl (ragazza di Filadelfia), e sono orgogliosa di fare parte della comunità italoamericana della Pennsylvania».

E ancora afferma che «anche se Concetta e Gaetano hanno cambiato i loro nomi hanno sempre portato un pezzo di Italia» riportando la sua memoria a quei pranzi domenicali dai nonni, come è tipico in Italia «per il pranzo tradizionale italiano, spaghetti, polpette, braciole, la casa profumava di origano, basilico, pomodori freschi e aglio, mi ricordo mio nonno che ci dava a tutti il pane italiano tostato e diceva finire a tarallucci e vino, che significa che non importano le differenze, finiamo sempre la cena come una famiglia».

jill-biden-origini-siciliane
Fonte: drbiden su instagram

Insomma, Jill Biden non è una vera e propria italiana come può esserlo qualcuno che è nato o che è cresciuto qui (come gli immigrati di seconda generazione), ma ha origini italiane e speriamo che un giorno possa davvero far visita al nostro bel Paese.

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Angela torna a Mondello per girare la sua hit: “Non ce n’è Coviddi”
Next post Idee regalo per l’amica appassionata di libri