Google pagherà Wikimedia Foundation

Condividi

Google ha deciso di pagare la Wikimedia Foundation per fornire informazioni sempre più accurate e aggiornate sul proprio motore di ricerca. D’altronde, in tantissime keyword Wikipedia si trova fra i primi posti e quindi è uno dei siti più cliccati quando si ricerca un’informazione, che sia un “cos’è Google” o un “seconda guerra mondiale storia“. Per questo motivo c’è bisogno, per evitare quante più fake news possibile, di informazioni curati e sicure. Pagando Wikipedia, questo sarà possibile.

google-paga-wikipedia

Lanciato lo scorso anno, Wikimedia Enterprise consente ai clienti (come Google) che riutilizzano enormi quantità di informazioni dai servizi di Wikimedia di accedere ai suoi contenuti in modo più efficiente. Invece di fare affidamento su dump di dati gratuiti e API pubblicamente disponibili (interfacce di programmazione dell’applicazione) per raccogliere informazioni dalle pagine Web di Wikipedia, Wikimedia Enterprise consente ai clienti di utilizzare API più adatte per riciclare informazioni su scala molto più ampia. 

Google, poi, è uno dei servizi che più utilizza Wikimedia. In primis, è all’interno dei pannelli di conoscenza, che appaiono sul lato delle pagine dei risultati di ricerca quando cerchi persone, luoghi o altre cose all’interno dell’enorme database di Google. Wikipedia è una delle fonti utilizzate frequentemente da Google per popolare le informazioni all’interno di questi pannelli, ma non solo. È citata anche in alcuni pannelli informativi aggiunti ad alcuni video su Youtube per combattere la disinformazione e le teorie complottistiche.

La Wikimedia Foundation è un’organizzazione di beneficenza senza fini di lucro che fa affidamento sulle donazioni. Riceviamo donazioni da milioni di persone in tutto il mondo, con una donazione media di circa $ 15. Riceviamo anche donazioni attraverso sovvenzioni istituzionali e regali. La Wikimedia Foundation è un’organizzazione esentasse 501(c)(3) degli Stati Uniti con uffici a San Francisco, California, USA.

Wikimedia Foundation
google-paga-wikipedia

Wikipedia sarà pagato da Google

«Wikimedia Enterprise è progettato per soddisfare una varietà di esigenze di riutilizzo e approvvigionamento dei contenuti e i nostri primi due clienti ne sono un esempio chiave. Google e Internet Archive sfruttano i contenuti di Wikimedia in modi molto distinti, sia per aiutare a potenziare una parte dei risultati del knowledge panel o per preservare le citazioni su Wikipedia», ha detto Lane Becker, Senior Director of Earned Revenue presso la Wikimedia Foundation. «Siamo entusiasti di lavorare con entrambi come partner di lunga data e le loro intuizioni sono state fondamentali per creare un prodotto avvincente che sarà utile per molti diversi tipi di organizzazioni».

«Wikipedia è una risorsa unica e preziosa, creata gratuitamente per il mondo dalla sua comunità di volontari dedicata. Supportiamo da tempo la Wikimedia Foundation nel perseguimento dei nostri obiettivi condivisi di ampliare la conoscenza e l’accesso alle informazioni per le persone di tutto il mondo. Non vediamo l’ora di approfondire la nostra partnership con Wikimedia Enterprise», ha detto Mark Graham, Direttore della Wayback Machine di Internet Archive.

google-paga-wikipedia

Aggiunge che «la Wikimedia Foundation e Internet Archive sono partner a lungo termine nella missione di fornire un accesso universale e gratuito alla conoscenza. Attingendo da un feed in tempo reale dei collegamenti e dei riferimenti appena aggiunti nei siti di Wikipedia, in tutte le sue lingue, ora possiamo archiviare una parte maggiore del Web in modo più rapido e affidabile».

Non si sa comunque in che modo la nuova partnership di Google cambierà la prospettiva dell’utente. Tim Palmer, l’amministratore delegato delle partnership di ricerca di Google, ha vagamente commentato che Google non vede l’ora di “approfondire” la sua partnership con la Wikimedia Foundation attraverso il suo servizio Enterprise. Lane Becker, direttore senior delle entrate guadagnate di Wikimedia Enterprise, ha dichiarato a The Verge che il servizio è ancora ai suoi “primi giorni” e ha rifiutato di commentare i modi specifici in cui Google potrebbe utilizzarlo.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.