Vicenza: è tornata a casa Gloria, la 13enne scomparsa dieci giorni fa

Condividi

Ha solo 13 anni Gloria, la ragazza di Pojana maggiore per cui nella scorsa puntata di Chi l’ha visto è stato dato un annuncio di scomparsa, dopo che il padre l’aveva accompagnata alla stazione per andare a scuola e poi ha fatto perdere ogni informazione su di sé, senza dare alcuna spiegazione. I genitori ne avevano dato un appello a Chi l’ha visto: «Gloria, ti preghiamo, torna a casa, noi ti vogliamo bene e siamo molto preoccupati per te», e fortunatamente la ragazza è tornata a casa.

gloria-13enne-ritrovata
La foto rilasciata da Chi l’ha visto

Non tutte le storie di persone e soprattutto bambine e ragazzine scomparse hanno un lieto fine. Ad esempio, vediamo la storia di Denise Pipitone, scomparsa da più di 18 anni, e ancora quella di Angela Celentano, scomparsa, addirittura, ad agosto del 1996. Questi sono solo due dei casi più famosi e che sono rimasti nel cuore degli italiani, ma tanti altri sono irrisolti in quanto lo Stato sembra non importarsene che dei rapitori di bambini continuino a farla franca. Proprio Milo Infante la scorsa settimana ha interrogato i leader di partito e non solo riguardo ciò.

«Perché lo Stato italiano a un certo punto rinuncia a stare dalla parte delle vittime, perché dice “vabbè hanno rapito una bambina, non sappiamo chi è stato, tanti in bocca al lupo ai genitori che devono cercarsi la bambina da sola”. Perché ancora oggi lo Stato non cerca Denise, la piccola Celentano e le persone che hanno subito un torto, un’ingiustizia?», ha chiesto Milo Infante, citando i casi sia di Denise Pipitone e Angela Celentano.

gloria-13enne-ritrovata

Una domanda a cui purtroppo non si ha risposta. Sempre per il caso di Denise, è stata addirittura bocciata la commissione d’inchiesta per fare luce su quel caso, e dobbiamo augurarci che la nuova legislatura e il nuovo governo si ricordino delle famiglie spezzate da dei bruti ancora a piede libero. Perché non è possibile soffrire così tanto, e avere anche lo stato contro.

Ritrovata Gloria, la 13enne scomparsa dieci giorni fa

Quando ne hanno denunciato la scomparsa il 14 settembre, i genitori l’hanno descritto con indosso una tuta azzurra, scarpe da ginnastica bianche, uno zaino rosso e uno smartphone con cover glitterata argento. Gloria frequenta un istituto professionale di Lonigo (nel Vicentino), ma quel giorno, nonostante il padre l’abbia accompagnata alla stazione, lei a scuola non è mai arrivata, e da quel momento ha fatto perdere ogni traccia di sé.

I genitori, quando la ragazza non è tornata a casa e non rispondeva alle chiamate, hanno allertato la polizia e cominciato a diffondere la foto della ragazzina online e in televisione. A preoccupare è anche il fatto che Gloria non attivasse il cellulare, nonostante i genitori hanno fatto sapere di come fosse molto attiva sui social. «L’apprensione della famiglia è quella dell’intera comunità. Ho contattato il papà della tredicenne per far sentire la nostra vicinanza e per far sapere che l’amministrazione comunale è a disposizione per aiutarlo, per quanto possibile», scrisse il sindaco della cittadina online.

gloria-13enne-ritrovata

E fortunatamente Gloria è riuscita a tornare a casa, rintracciata ieri sera sul tardi a Montecchio Maggiore. Si trovava in un locale pubblico della zona e fortunatamente un cliente ha segnalato la somiglianza con la ragazzina vista online, e quindi ha allertato i carabinieri che hanno riportato la ragazzina a casa, al sicuro dalla sua famiglia, dopo 10 giorni di terribile apprensione e sicuramente tanta sofferenza. Non si sanno ancora i motivi per cui la 13enne si sarebbe allontanata da casa, ma al momento l’importante è che ci resti e che non si allontani più dai suoi genitori.

I familiari, tuttavia, fecero anche sapere che non è la prima volta che si allontana da casa. «Di recente, in luglio e in agosto, era scappata, e in entrambi i casi l’avevamo rintracciata prima a Bologna e poi sulla costa romagnola tramite il cellulare, mentre questa volta lo ha tenuto spento», e bisognerebbe comunque capire quali siano i motivi di questo atteggiamento, ma per ora l’importante è che Gloria sia sana e salva.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.