Emily in Paris: il 22 dicembre arriva la seconda attesissima stagione

Condividi

Emily in Paris è stata una felice scoperta su Netflix, una di quelle serie che abbiamo guardato con tanto piacere, non solo per la trama e i personaggi, ma anche per il cast. Vedere recitare Lily Collins è sempre un onore, e finalmente abbiamo qualche novità sulla seconda stagione. In primis, abbiamo una data ufficiale in cui potremo vedere questa nuova stagione. In secundis, abbiamo persino un trailer dove possiamo vedere quello che Emily subirà! Mettiamoci quindi subito all’opera.

emily-in-paris-2-cosa-sappiamo
Una scena del trailer di Emily in Paris

Vi ricordiamo, prima di lasciarvi qualche dettaglio in più sulla serie, che abbiamo scritto la nostra recensione della prima stagione: Emily in Paris: recensione della nuova serie Netflix (Spoiler Free). Presentiamo ora il personaggio: Emily è una venticinquenne del midwest che si trova a Parigi per motivi lavorativi, ovvero rappresentare il punto di vista americano in una famosa agenzia di marketing francese. Nel frattempo, ovviamente stringe nuove amicizie, si innamora e, soprattutto, indossa degli outfit strepitosi.

«La protagonista, Emily, è una giovane e ambiziosa direttrice di marketing. Decide di cogliere un’opportunità al volo e stravolgere la propria vita. Si trasferisce infatti a Parigi per un nuovo lavoro, entrando a far parte di un’importante società francese. L’idea è quella di riuscire a sfruttare al meglio il suo punto di vista americano, così da generare un ibrido delle due culture e proporre sul mercato qualcosa di nuovo e innovativo. Emily dovrà però destreggiarsi tra l’emozione e la difficoltà dell’ambientamento in una nuova città, gli ostacoli e le sfide della carriera che va dipanandosi dinanzi a lei e, ovviamente, amicizie e amori.»

Queste sono la trama e il trailer della prima stagione, mentre, per quanto riguarda il cast, oltre a Lily Collins che interpreterà la bellissima Emily, abbiamo conosciuto attori francesi e attori americani. Per la squadra degli USA abbiamo Ashley Park, che sarà Mindy Chen, Kate Walsh, celebre per il suo ruolo in Grey’s Anatomy. Per la Francia invece avremo Philippine Leroy Beaulieu, Lucas Bravo, Samuel Arnold, Camille Razat e Bruno Gouery. E ora passiamo alla seconda stagione.

Emily in Paris 2: cosa sappiamo?

La seconda stagione di Emily in Paris arriverà il 22 dicembre su Netflix, visibile anche su Sky Q e tramite l’app su Now Smart Stick. Dal trailer, che incolleremo alla fine dell’articolo, vediamo come Emily non si limiterà al suo dramma amoroso con Gabriel, ma proverà anche a lasciarsi andare, ritrovandosi accanto ad Alfie, un personaggio che abbiamo già conosciuto, di origine londinese che non riesce molto ad adeguarsi ai costumi francesi, un po’ come la protagonista.

Tuttavia, dopo qualche mese trascorso nella capitale francese, Emily ha preso ormai confidenza con il luogo e con i cittadini, sebbene ancora fatichi a capire quel che vuole davvero e chi vuole essere. Sa però quello che non vuole: il triangolo amoroso. Vorrebbe ovviamente concentrarsi sul lavoro, mettere da parte l’amore, ma ecco che spunta Alfie. Insomma, anche in questa stagione saremo nutriti con un po’ di drama e, soprattutto, con tanti splendidi outfit.

emily-in-paris-2-cosa-sappiamo
Una scena del trailer

Questo è il cast di Emily in Paris 2:

  • Lily Collins: Emily
  • Ashley Park: Mindy
  • Philippine Leroy-Beaulieu: Sylvie
  • Lucien Laviscount: Alfie
  • Lucas Bravo: Gabriel
  • Camille Razat: Cami
  • Samuel Arnold: Luc
  • Bruno Gouery: Julien
  • William Abadie: Antoine Lambert
  • Kate Walsh: Madeline
  • Jeremy O. Harris: Gregory Elliot Dupree
  • Arnaud Binard: Laurent G.

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Testing Week Europea per HIV, HCV e sifilide: dal 22 al 29 novembre i test saranno gratuiti
Next post Erasmus: il mio primo convegno