Trump è stato sanzionato per oltraggio alla corte

Condividi

Donald Trump è stato ufficialmente accusato di oltraggio civile alla corte, come ha stabilito un giudice di New York dopo che l’ex presidente degli Stati Uniti d’America ha deciso di non rispettare l’ordine di presentare una serie di documenti nell’ambito dell’inchiesta della procuratrice generale, Letitia James, sulla Trump Organization. Adesso dovrà pagare 10 mila dollari al giorno finché non ottempererà a quanto richiesto. D’altronde, però, non ci stupisce più di tanto questo comportamento.

Facciamo un breve passo indietro. Come se la sta passando Donald Trump? E soprattutto perché il suo atteggiamento da qualcuno che si ritiene intoccabile dalla legge non ci stupisce più di tanto? Direi che più che intoccabile, si senta di poter trovare sempre una soluzione, d’altronde quando è stato bannato da tutto o quasi i social in seguito agli «sconvolgenti eventi delle ultime 24 ore dimostrano chiaramente che il presidente Donald Trump intende utilizzare il tempo rimanente in carica per minare la transizione pacifica e legittima del potere al suo successore eletto, Joe Biden», ne ha creato uno suo.

donald-trump-accusato-di-oltraggio-alla-corte

Truth social, però, è al momento un vero e proprio flop. Sin dal principio il social non è per niente andato bene, forse c’è solo stato il boom iniziale per curiosità e da parte di chi voleva commentarlo, ma adesso è tutto tranne che il successo che l’ex presidente fa pensare. I dati condivisi dal Daily Beast sono la testimonianza di quello che Trump teme di più: un altro fallimento, e di questo non può urlare al complotto.

Il Daily Beast ha esaminato le analisi delle visite su Truth eseguite da SimilarWeb, che traccia il traffico dei siti web da fonti pubbliche e private. Ad esempio, i dati dimostrano come Truth, dell’ex Presidente, sia alla pari o persino peggio di Gab, un social network rivale di Truth poiché condivide lo stesso pubblico pro-Trump di nazisti, oppure di Gettr, fronteggiata da Jason Miller, un tempo aiutante politico di Trump. Il social di Trump, infatti, avrebbe avuto circa 2 milioni di visite al debutto, ma poi è sceso di circa 300.000 visite al giorno.

A questa grande delusione, poi, si aggiunge l’accusa di oltraggio alla corte.

Donald Trump accusato di oltraggio alla corte

«Oggi ha vinto la giustizia. La nostra indagine su Donald Trump e la Trump Organization continuerà, perché nessuno è al di sopra della legge», ha detto Letitia James, la procuratrice generale a cui Trump si è opposto. Adesso all’ex presidente non resterà che pagare 10.000 dollari al giorno, finché non ottempererà alla richiesta. La procura sta indagando sull’ipotesi che la Trump Organization, abbia gonfiato il valore dei suoi beni nelle dichiarazioni finanziarie.

donald-trump-accusato-di-oltraggio-alla-corte

La sanzione è stata comminata dal giudicare della Corte Suprema dello Stato a Manhattan Arthur F. Engoron, mentre la difesa aveva cercato di convincere che la società avesse fatto del suo meglio per trovare il documento richiesto dall’ufficio del procuratore generale. La vicenda è invece iniziata quando Donald Trump con i suoi figli maggiori, Ivanka e Donald Junior, erano stati chiamati a testimoniare dalla Procura generale di New York a inizio aprile nel processo che riguarda gli affari della famiglia. L’indagine, invece, è stata aperta un’anno fa.

Le ipotesi di reato sono di evasione fiscale e frode bancarie, questo perché si sospetta che abbiano deliberatamente fornito delle informazioni errate sul patrimonio. Un portavoce della procuratrice Laetitia James ha detto che l’indagine, partita inizialmente come indagine civile, è stata modificata in indagine penale, e che tale variazione è stata notificata alla società sotto osservazione.

donald-trump-accusato-di-oltraggio-alla-corte

Intanto, parlando di altro ma sempre di Donald Trump, Elon Musk, dopo aver acquistato Twitter, starebbe cercando di convincere l’ex presidente a tornare sulla piattaforma, dopo che quest’ultima l’aveva bannato in seguito a diversi tweet contenenti fake news e soprattutto che istigavano alla violenza. Trump, considerando quanto il social sia importante per la politica e considerando anche il periodo che stiamo vivendo, vorrebbe ovviamente tornare, ma tutto dipenderà da come continuerà ad andare Truth, il suo social personale. Al momento, comunque, lo stesso Musk ha fatto notare una cosa:

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.