Giornata contro i disturbi del comportamento alimentare: che film vedere

Condividi

Durante la giornata contro i disturbi alimentari, vogliamo dedicare un breve articolo con i film che potreste vedere per provare a immedesimarvi. Perché è facile criticare. È facile dire a una ragazza anoressica “mangia” e a una obesa “mangia di meno“, così come è facile minimizzare il problema dei disturbi alimentari all’anoressia e all’obesità. Dietro queste due parole c’è tanta sofferenza e un grandissimo percorso che meriterebbe una grande attenzione soprattutto nelle scuole superiori, dove a causa del bullismo come anche dei social iniziano questi problemi.

Potrebbe interessarvi: Influencer: quali seguire per vedere body positivity

Troppo magra, troppo grossa, le cosce non devono toccarsi, voglio vedere le ossa, le ossa solo ai cani, il seno deve essere più piccolo, il sedere è meglio tondo, la vita deve essere stretta e le caviglie sottili, ma mangi?, davvero riesci a mangiarlo tutto?, mangia che sei troppo magra, se mangi così tanto non dimagrirai mai. Sono solo alcune delle parole che le persone con disturbi alimentari si sentono dire ogni giorno. Sono queste le parole che risuoneranno nella loro testa ogni volta che si troveranno un piatto davanti, e decideranno di non mangiarlo, pensando di fare del bene a se stesse.

Voglio anche sottolineare una cosa: i disturbi alimentari non sono solamente dei corpi troppo magri, o dei corpi troppo in carne. Anche una ragazza che passa in pochissimo tempo da un peso a un altro, semplicemente decidendo di non mangiare, soffre di un disturbo alimentare. Perché i disturbi alimentari possono tormentare anche la ragazza, o il ragazzo, sfatiamo anche il mito secondo cui solo le ragazze ne soffrano, che vi sembra più in salute, quella che magari semplicemente non ha fame o ha già mangiato.

I disturbi alimentari sono dei demoni che molte volte ti porti accanto per tutta la vita. Perché anche quando pensi di stare bene, anche quando ti senti in pace con il tuo corpo e anche con te stessa, quando finirai un pasto continuerai a pensare ma non ho mangiato troppo? Devi combattere, combattere e combattere, per comprendere che il cibo non è un nemico e soprattutto non è una cosa che ti devi meritare. Se ti va un po’ di cioccolato, non devi per forza allenarti per meritarlo. Il cibo ti aiuta a sopravvivere e a essere felice, non è un premio.

La tua vittoria sarà quando riuscirai a guardarti allo specchio e non vedere solo dei difetti. Quando riuscirai a mangiare in mezzo alla gente senza pensare che ti giudicheranno. Quando taglierai i ponti con la bilancia perché un numero, quel numero che volevi sempre più basso, non rappresenta la tua felicità. Tu sei la tua felicità. Il tuo corpo in salute lo è. Un piatto di pasta finito senza sensi di colpa. Il tuo futuro. La tua vita.

Disturbi alimentari: 8 film da vedere

Inseriremo la trama dei film, senza commentare, proprio per evitare spoiler. Tuttavia, ognuno di loro, gira intorno a un disturbo alimentare. Sento di volervi anche consigliare My Mad Fat Diary, che però è una serie tv, che ha come protagonista una ragazza che soffre di obesità. Molte scene sono molto toccanti e anche forti (per cui, se state vivendo dei disturbi alimentari, io la sconsiglio, soprattutto se siete tanto sensibili) e le ricordo ancora a distanza di anni. I film che vi proporremo, comunque, sono principalmente per sensibilizzare sul tema. Non sono dei documentari.

Ragazze interrotte (1999)

Ambientato nel 1967, segue la storia di Susanna Kaysen, una ragazza piena di insicurezze che ama rifugiarsi nel suo mondo mentale immaginario. Una sera, Susanna ingerisce un flacone di aspirine, annaffiate da molta vodka, ma i soccorsi giungono appena in tempo. I genitori, dunque, decidono di ricoverarla presso l’ospedale psichiatrico Claymoore Hospital. Qui, Susanna fa la conoscenza della sociopatica Lisa, dell’isterica Daisy, dell’anoressia Janet, di Polly e della bugiarda patologica Georgina.

disturbi-alimentari-anoressia-film

Primo Amore (2004)

Vittorio, un piccolo artigiano orafo veronese, ha un’ideale femminile molto preciso: il suo apprezzamento per il corpo e per la mente di una donna deve essere allo stesso livello e il corpo della donna deve essere molto magro. Ad un appuntamento al buio incontra Sonia, che lo attrae ma che desidererebbe con molti chili in meno. La donna accetta di adeguarsi ed inizia una dieta strettissima che la conduce a una forma di schiavitù fisica e mentale.

disturbi-alimentari-anoressia-film

To be fat like me (2007)

Come parte di un progetto cinematografico, un adolescente fisicamente in forma indossa un abito grasso per acquisire esperienza delle difficoltà che affrontano gli studenti delle scuole superiori in sovrappeso. Aly si rende presto conto di quanto possa essere difficile la vita per il sovrappeso, in quanto è evitata da altri studenti, nonostante la sua determinazione ad essere gentile e mantenere la stessa personalità che aveva sempre avuto. Incontra Ramona, una ragazza sovrappeso della stessa classe che condivide aspetti della sua vita personale con Aly ma si sente tradita quando Aly usa questo materiale nel suo documentario

disturbi-alimentari-anoressia-film

La ragazza di porcellana (2014)

Hannah, ballerina prossima a compiere diciott’anni, viene a conoscenza di una comunità online dove gli iscritti scelgono volontariamente di diventare anoressici. La ragazza comincia a frequentare il sito e i suoi genitori si preoccupano quando inizia a dimagrire in maniera impressionante. Sconfiggere l’anoressia non sarà per nulla facile…

disturbi-alimentari-anoressia-film

My skinny sister (2015)

Stella è una ragazzina di 12 anni che ha una sorella maggiore Katja. Stella ha sempre avuto nei riguardi della sorella un atteggiamento di grande ammirazione perché Katja è molto aggraziata ed ha il fisico di una modella. Katja che lavora per alcune passerelle le case di moda, soffre di disturbi alimentari che aveva sempre celato ai membri della famiglia, compresa a Stella. La malattia di Katja sconvolge i genitori e la stessa sorella Stella. Questo evento, coperto così all’improvviso, riesce a fare completamente a pezzi la famiglia.

disturbi-alimentari-anoressia-film

To the bone (2017)

Ellen è una una ventenne affetta da anoressia nervosa, sviluppata nel corso degli anni a causa dei problemi familiari e delle sue stesse paure. Quando la compagna di suo padre, con cui Ellen vive, si accorge di quanto la sua condizione fisica sia diventata critica, la convince a sottoporsi all’anticonvenzionale programma riabilitativo del dottor Beckham.

Ellen viene accolta così in una terapia di gruppo, dove incontra e conosce altri ragazzi che, come lei, soffrono di disturbi alimentari. Proprio il legame instaurato con gli altri pazienti, in particolare con Luke, e le sedute con l’insolito medico, la metteranno di fronte alla sua malattia; la ragazza dovrà quindi scegliere se abbracciare la vita e riprendere a mangiare o continuare a non accettarsi, rischiando la morte.

disturbi-alimentari-anoressia-film

Non dimenticarmi (2018)

Non dimenticarmi racconta in maniera cruda e commovente, seppur con un pizzico di ironia, il dramma vissuto da Tom la quale, ricoverata in una clinica per il trattamento dei disturbi alimentari, vive in simbiosi con la propria ossessione per il cibo e si rivolge alla vita con cinismo, freddezza e rigidità

disturbi-alimentari-anoressia-film

Shapeless (2021)

In pubblico, Ivy è una cantante lounge di New Orleans che cerca di affermarsi. Quando è sola, però, soffre di uno dei terrificanti disturbi alimentari. E, più nasconde le sue lotte, più forti diventano i suoi demoni interiori.

disturbi-alimentari-anoressia-film

Autore

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.