Dash & Lily: recensione serie tv natalizia di Netflix [spoiler free]

Condividi

Se siete in un mood romantico e natalizio, Dash e Lily è la serie tv a cui dovete per forza dare una possibilità. Personalmente l’ho finita in una serata, è molto leggera, un episodio tira l’altro e non sono né lunghi né noiosi. Vi innamorerete dei personaggi e vorrete assolutamente sapere come va a finire. Possiamo definirlo teen drama con personaggi molto simili ad altri già visti, ma è un teen drama per cui vale la pena perdere del tempo.

Prima di parlare della serie tv prodotta da Netflix, chiaramente sempre senza anticipare alcuno spoiler in modo che tutti possiate godervi al pieno la serie, anticipiamo qualcosa sulle sue origini. Dash e Lily è tratto dal romanzo “Dash e Lily’s Book of Dares”, scritto da Rachel Cohn e David Levithan, il primo della serie e che è uscito nel lontano 2010. Il secondo libro si intitola The Twelve Days of Dash e Lily e l’ultimo Mind the Gap, Dash e Lily.

dash-e-lily-serie-tv-netflix
Fonte: twitter

Uscita il 10 novembre, Netflix non ha ancora confermato né il rinnovo né la cancellazione della serie, tuttavia è stata così tanto apprezzato che non comprendiamo come non possa non esserci una seconda stagione. Poi, lo sappiamo, alla piattaforma di streaming piacciono le serie leggere e senza impegno, per cui tutto si prospetta positivo per questo nuovo gioiellino.

Su Netflix la serie è stata creata da Joe Tracz ed è composta da otto episodi dalla durata di circa 25 minuti, con due giovani protagonisti. E ora, passiamo subito alla trama, al cast e, infine alla recensione.

Dash e Lily: la trama e il trailer

«Dash e Lily racconta una storia d’amore adolescenziale nata durante le vacanze di Natale quasi per gioco: i due protagonisti si scambiano sogni, segreti e passioni all’interno di questo diario rosso che fa il giro di New York. Ben presto scopriranno di avere molte più cose in comune di quanto credessero…»

Dash e Lily: cast

Uno dei due protagonisti della serie è Dash, interpretato da Austin Abrams, conosciuto anche per Euphoria, Chemical Hearts (molto carino anche questo film, magari ne parleremo in una prossima recensione), The Walking Dead e per altri teen drama. È un ragazzo che potremmo definire l’anti-Natale, brontolone, con pochi amici, apparentemente snob e diverso dagli altri.

dash-e-lily-serie-tv-netflix
Fonte: twitter

La protagonista donna è invece Midori Francis, conosciuta per Ocean’s 8, che nello show è Lily, esattamente l’opposto di Dash: lei è solare, sempre allega, ama il Natale e l’atmosfera natalizia. Una ragazza gentile e ritenuta strana solo perché originale e soprattutto con un proprio stile, diverso da quello che di solito guardiamo.

dash-e-lily-serie-tv-netflix
Fonte: twitter

Nel cast troviamo anche altri attori, ovviamente, ovvero:

dash-e-lily-serie-tv-netflix
Fonte: twitter
  • Dante Brown,
  • Troy Iwata,
  • Keana Marie,
  • James Saito,
  • Jodi Long,
  • Glenn McCuen,
  • Michael Park,
  • Gideon Emery,
  • Jennifer Ikeda,
  • Diego Guevara,
  • Leah Kreitz,
  • Ianne Fields Stewart.

Questi sono tutti secondari, uno di quelli che vediamo più spesso degli altri in elenco è Dante Brown, che in Dash e Lily interpreta Boomer, il migliore amico e anche unico amico del protagonista, molto divertente e che lo aiuta, sebbene all’inizio fosse un po’ restio, nella sua avventura con Lily.

Insieme a lui, vediamo spesso anche Troy Iwata, che interpreta il fratello della protagonista, Langston, un ragazzo che potremmo definire sia romantico che carnale. È fidanzato con un ragazzo e impazzisce per sua sorella, tanto che è lui stesso a consigliarle di iniziare l’avventura del libro.

Dash e Lily: recensione

Come abbiamo scritto proprio all’inizio dell’articolo, è una serie tv molto leggera e per niente impegnativa, adatta a una serata passata a rilassarsi in questa triste quarantena. Soprattutto in vista di Natale. Il target primario sono sicuramente gli adolescenti, ma ciò non toglie che possa piacere anche agli adulti e ai giovani adulti che adorano il periodo natalizio e le storie d’amore fra adolescenti che nascono dal nulla.

A essere onesti, i personaggi come la loro relazione non è poi tanto diversa dagli altri teen drama. Abbiamo sempre il personaggio burbero e antipatico con la ragazzina innocente che casualmente finiscono insieme ma poi ci sono degli ostacoli per la ragazza perfetta, insomma, la tipica fan fiction con la protagonista di nome Hope che leggevamo nel 2010 ma che, ammettiamolo, ci piaceva tanto.

dash-e-lily-serie-tv-netflix
Fonte: twitter

Allora perché dovremmo vedere Dash e Lily se i personaggi sono così scontati? Beh, se vogliamo parlare a livello tecnico, la fotografia, le luci del Times Square, sono un tocco non da poco. Ma anche per come si evolve la storia, per come i due piano piano cercano di conoscersi scrivendo, tramite questo quaderno. Insomma, non tramite Tinder, ma tramite un quaderno che, insieme a loro, fa il giro di New York.

Poi su Netflix non c’è nulla di simile, almeno per quanto riguarda il Natale. Dash e Lily riunisce il teen drama insieme all’atmosfera tipica natalizia. Abbiamo le delusioni, l’amore, i malintesi, persino il tema del bullismo, tutto circondato da colori e canzoni natalizie. È una serie estremamente romantica, anche e soprattutto per l’atmosfera di dicembre.

Tuttavia, ha anche delle morali, come ad esempio che gli opposti si attraggono o, ancora meglio, che l’onestà è tutto. Ci dimostra che due persone che sono apparentemente l’una l’opposto dell’altro possono avere in comune più di quanto si crede. Vediamo il primo amore vissuto dagli occhi di un’adolescente insicura ma allo stesso tempo innamorata dell’amore.

Se quindi volete una serie per niente impegnativa, un teen drama natalizio, Dash e Lily è la serie che dovete guardare. È decisamente un buon modo per passare questa quarantena che, a quanto pare, durerà ancora a lungo.

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Laura Pausini: il drama di cui è stata protagonista
Next post Fabrizio Corona contro i Ferragnez (e non solo)