Arabia Saudita: morti tre ballerini italiani in un incidente nel deserto

Condividi

Antonio Caggianelli di Bisceglie (Bat), Giampiero Giarri di Tivoli (Roma) e Nicolas Esposto, agrigentino di origini francesi erano tre ballerini italiani che hanno perso la vita mentre si trovavano in Arabia Saudita in tournée per l’inaugurazione di un nuovo teatro. La compagnia è composta da 10 ballerini, tutti italiani, e venerdì, nel loro giorno di riposo, avevano deciso di fare un’escursione nel deserto. Purtroppo però i mezzi su cui viaggiavano sono finiti in una scarpata e i tre ballerini, insieme a un’altra vittima, sono morti.

ballerini-morti-in-arabia-saudita

Erano dei famosi ballerini, stavano vivendo il loro sogno con una splendida tournée in Arabia Saudita. Ma, come per ogni lavoro, c’è bisogno di una pausa, e i ragazzi avevano deciso di andare alla scoperta del deserto, in particolare a Riyad, una gita finita però in una tragedia poiché le due auto su cui viaggiavano i ragazzi sono finite in una scarpata. A perdere la vita sono stati i tre ballerini italiani e l’autista di uno dei due veicoli. Ieri c’è stato il riconoscimento delle salme.

Antonio Caggianelli, 33 anni da Bisceglie, era ritenuto dalla comunità della danza uno dei talenti emergenti della sua generazione. Era un ballerino, un coreografo, un grande talento con una grandissima passione. Insieme a lui hanno perso la vita due altre grandi talenti, Giampiero Giarri, 32 anni e residente a Tor San Lorenzo, e Nicolas Esposto, 28 anni di Cammarata (Agrigento). Erano tutti e tre dei grandi ballerini che sono riusciti, dal loro piccolo, a dare tante emozioni a chi ama la danza.

Tre persone sono invece in gravi condizioni, uno di questi è in prognosi riservata, mentre un altro avrebbe diverse fratture. I cadaveri dei ballerini sono stati recuperati da un elicottero e sono poi stati riconosciuti dai familiari che sono volati, per questa tragedia, in Arabia Saudita. Ci uniamo all’affetto e alle condoglianze per le famiglie delle giovanissime vittime, di questi talenti che sono riusciti a darci tanto, anche in poco tempo.

Ballerini morti in Arabia Saudita: il cordoglio

In tanti hanno espresso sui social la tristezza e le condoglianze nei confronti delle famiglie dei tre ballerini. Tra questi, il Sindaco di Bisceglie, Angelantonio Angarano: «La scomparsa del nostro giovane concittadino Antonio Caggianelli ci addolora e rattrista profondamente. A quell’età si hanno così tanti progetti, idee, entusiasmo, si lavora per costruire il proprio futuro e inseguire i propri sogni. Quello che faceva Antonio, con vitalità e intraprendenza, facendosi apprezzare e voler bene da tutti. Dover accettare che una vita così giovane possa essere spezzata fa malissimo. A nome di tutta la nostra Comunità ci stringiamo forte alla famiglia di Antonio ed esprimiamo il più sentito cordoglio».

ballerini-morti-in-arabia-saudita
Antonio Caggianelli

Anche la “Notte della Taranta” ricorda Antonio, «il ballerino accademico protagonista del Concertone 2021, era in Arabia Saudita lo scorso venerdì. Suo giorno di riposo. Ha deciso di scoprire il deserto. E da quel deserto non è più tornato, vittima di un incidente. A perdere la vita anche i ballerini Giampiero Giarri e Nicolas Esposto insieme componenti del corpo di ballo di “Aggiungi un posto a tavola”, produzione del Brancaccio di Roma, guidata da Gianluca Guidi. Alla sua famiglia, ai suoi amici, a tutta la famiglia della Taranta che lo ha abbracciato nel 2021 va il nostro profondo cordoglio».

Mario Savarese, sindaco di Ardea, invece: «Apprendo solo ora con grande costernazione della scomparsa di un nostro giovane concittadino. Giampiero Giarri ha perso la vita in un incidente stradale in Arabia Saudita dove si trovava per lavoro. Giampiero era un affermato ballerino, nato a Tivoli nel 1989, pometino di adozione si era trasferito tre anni fa a Tor San Lorenzo dove viveva con la mamma Michela. A nome dell’amministrazione tutta porgo alla madre Michela le nostre più sentite condoglianze».

ballerini-morti-in-arabia-saudita
Giampiero Giarri

L’Oratorio “Don Michele Martorana”, frequentato durante l’infanzia e l’adolescenza di Nicolas Esposito, lo ricorda con affetto: «è stato un animatore esemplare del nostro Oratorio nel laboratorio danza, ringraziandolo per il servizio che ha svolto in favore dei bambini e delle attività oratoriane e nell’animazione del memorabile Giovaninfesta 2014 a San Giovanni Gemini. Dio consoli la sua famiglia e lo abbia in gloria nella gioia degli angeli e dei santi!».

ballerini-morti-in-arabia-saudita
Nicolas Esposito

In Sicilia anche il sindaco Giuseppe Mangiapane si dice «sconvolto e commosso» per la morte «del nostro giovane talentuoso Nicolas, che era per noi tutti un orgoglio, un esempio, un ragazzo che portava la sua arte in giro per il mondo, che inseguiva i propri sogni, e che li stava realizzando, con tanto coraggio ed infinita passione». Anche sui social, persone che non conoscevano i tre ballerini ma che ne condividono la passione o che, semplicemente, sono rimasti commossi dalla loro storia, mandando dei messaggi di condoglianze e dispiacere.

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Erasmus: tra feste e insegnamenti
Next post F1: Max Verstappen accusato di misoginia, la sua fidanzata sarebbe anche il suo miglior acquisto