Amber Heard chiede di annullare il processo contro Johnny Depp

Condividi

È stato un lungo processo e soprattutto tanto seguito a livello mediatico, un processo che ha visto uscire vincitore Johnny Depp e perdente Amber Heard, che quindi ha l’obbligo di risarcirlo per il lavoro che gli ha fatto perdere in seguito all’articolo scritto sul Washington Post. Tuttavia, dopo i diversi drami, dopo che sembra che l’attrice di Aquaman sia costretta a vendere un costoso regalo di Elon Musk per poter pagare Johnny, gli avvocati di Amber stanno chiedendo l’annullamento del processo.

Johnny Depp è stato accusato di violenza domestica dall’ex moglie, Amber Heard, dopo 15 mesi di matrimonio, dando inizio a caso molto controverso che ha visto la situazione ribaltarsi. In particolare da quando sono venuti a galla i vari audio in cui si sentono le cattivissime parole pronunciate da Amber Heard nei confronti di Johnny Depp, l’attrice ha completamente perso tutta la credibilità fra molti dei suoi fan che erano rimasti accanto a lei.

amber-heard-avvocati-ricorso

Il secondo capitolo della battaglia legale fra Johnny Depp e Amber Heard è stato molto più seguito del precedente ed è stato evidente come tutti i fan siano schierati solo da una parte, da quella dell’attore che ha perso tutto. L’ex moglie, infatti, ha continuato a lavorare ed è notizia delle ultime ore quella secondo cui avrebbe in Aquaman meno di 10 minuti di presenza sullo schermo, che comunque è pur sempre una presenza e non come per Johnny che ha letteralmente perso qualsiasi lavoro.

Adesso, però, con quest’ultimo processo di cui ancora si aspetta il verdetto, la situazione sembra essere completamente cambiata. È infatti Amber Heard quella vista male dall’opinione pubblica, in quanto il processo ha fatto emergere le sue bugie e tutte le cose che non tornano. Al contrario, Johnny Depp magari non è del tutto innocente, ma sembra che non abbia mai picchiato l’ex moglie. La giuria infatti ha decretato che Amber Heard ha diffamato l’ex marito.

amber-heard-avvocati-ricorso

Vi ricordiamo, tra l’altro, che c’era una vera e propria petizione per far licenziare la Heard da Aquaman e non solo. È stata creata da Joeanne Larson, si intitola, testualmente “Remove Amber Heard from Aquaman 2” ed è diretta a SVP of Publicity & Communications for DC Warner Bros e Paul McGuire, Corporate Communications. «Amber Heard è stata denunciata come molestatrice domestica da Johnny Depp. Nella sua causa da 50 milioni di dollari, Johnny Depp descrive molti episodi di abusi domestici che ha subito per mano di sua (allora) moglie Amber Heard», leggiamo.

La richiesta degli avvocati di Amber Heard

TMZ ha riportato la notizia: «Amber Heard vuole una rivincita in tribunale, chiedendo al giudice di annullare il verdetto contro di lei nel processo per diffamazione a Johnny Depp… a causa di prove scadenti e di un presunto falso giurato», scrive la testata famosa per essere sempre sul pezzo con le notizie. Fa sapere che gli avvocati dell’attrice hanno presentato questa settimana nuovi documenti in Virginia, chiedendo al giudice di annullare completamente il verdetto a favore di Johnny Depp, respingere la denuncia o ordinare un nuovo processo.

amber-heard-avvocati-ricorso

Le ragioni presentate sono diverse, ma le principali sono tre: in primis si ritiene che il team di Johnny non abbia presentato prove sufficienti per convincere una giuria che le parole scritte da Amber Heard sull’editoriale avessero danneggiato la sua carriera, portandolo al licenziamento da alcuni ruoli. Ritengono che la carriera dell’attore fosse già alle corde prima dell’articolo della loro assistita. In più, aggiungono che gli avvocati di Depp non siano riusciti a dimostrare che le intenzioni di Amber fossero guidate da malizia.

Insistono anche sul fatto che Amber non ha mai nominato Johnny nel pezzo e soprattutto sul fatto che le frasi diffamatorie in questione erano reali e non menzogne. Amber Heard con il team ritiene anche che uno dei giurati che ha stabilito il verdetto potrebbe non essere stato effettivamente la persona convocata in tribunale e che la corte apparentemente non se n’è accorta non controllandoli adeguatamente. Si riferiscono al giurato n. 15, il cui anno di nascita sulla carta è il 1945.

Il team di Amber Heard, facendo una ricerca molto veloce, si sarebbe accorto che il giurato in realtà è più giovane di quel che dice sulla carta, potrebbe essere nato persino nel 1970. Per questo vogliono che la corte indaghi ed eventualmente ripetere il processo. L’avvocato di Johnny Depp, Ben Chew, intanto si dice non sorpreso di questa mossa, tuttavia ritiene che nella sua mozione non c’era niente di sostanziale.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.