San Donato (Milano): 8 le vittime dell’aereo turistico precipitato

Condividi

Ieri abbiamo assistito a una notizia terribile: un aereo turistico privato si è schiantato contro un edificio in via Marignano, a San Donato Milanese (Milano), causando la morte di tutte e otto le persone a bordo, tra cui si trovava anche un bambino. Il proprietario, che guidava anche il velivolo, era Dan Petrescu, uno degli uomini più ricchi della Romania, immobiliarista con un patrimonio stimato in tre miliardi di euro e soprannominato come il “miliardario ombra” proprio per il suo atteggiamento molto schifo e freddo. Si trovava a Milano di passaggio, diretto verso la madre 98enne che si trova in Sardegna.

aereo-precipitato-a-san-donato-milano

A bordo dell’aereo si trovava anche il figlio, Dan Strefan Petrescu, un amico canadese, Julien Brossard, di 36 anni, la moglie 65enne e anche Filippo Nascimbene, unica vittima italiana, che si trovava insieme alla moglie francese Claire Stephanie Caroline Alexandrescou, di 33 anni. Purtroppo insieme a loro c’era anche il piccolo figlio di un anno e mezzo, Raphael, anche lui deceduto. L’ultima vittima è la nonna del bambino, Miruna Anca Wanda Lozinschi, di 65 anni.

L’aereo è partito da Linate ed era diretto a Olbia, è caduto su una palazzina vuota in ristrutturazione, vicino alla fermata degli autubus e infatti in tanti hanno assistito al terribile schianto, ma per fortuna non ci sono stati ulteriori feriti o morti. Le persone nella vicinanze raccontano di aver sentito un sibilo molto forte e poi una grande esplosione, causato ovviamente dallo schianto. Subito la palazzina è stata avvolta dalle fiamme. Carlo Cardinali, funzionario dei vigili del fuoco di Milano, afferma che «l’impatto è stato devastante».

«C’è stata una vera e propria esplosione. La ricerca dei corpi è ancora in corso. Non sono state coinvolte persone esterne a quelle presenti sul velivolo. Ora sta lavorando la polizia scientifica. Questa è un’area densamente abitata. Nel dramma c’è stata la fortuna di non aver colpito abitazioni o la stazione della metro», ha detto ancora. L’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo (Ansv) intanto ha aperto un’inchiesta e disposto l’invio di un investigatore sul posto per capire cosa sia successo. Al momento si pensa che «il velivolo PC-12 marche di identificazione YR-PDV, era decollato da Linate alle 13:04 con destinazione Olbia. L’aereo ha colpito un edificio stabile e si è incendiato».

Una signora che si trovava vicino al lungo in cui l’aereo è precipitato racconta di aver sentito «un botto fortissimo, poi un rimbombo. Ho pensato un incidente tra auto, poi da casa mia ho visto lo squarcio nell’edificio. E mi hanno detto che era a causa di un aereo. L’elicottero dei soccorsi stava per atterrare nel mio cortile.» Andrea, 19 anni, racconta a La Repubblica di aver «visto l’aereo scendere in picchiata e poi schiantarsi lì. Un botto bello potente, e poi pezzi di ferro dappertutto. Mi sono spaventato, ho chiamato gli amici».

Aereo precipitato a San Donato (Milano): foto, video e testimonianze dal web

Vi lasciamo alcuni video, foto e testimonianze pubblicate sul web. Video e immagini sono ovviamente molto sensibili.

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Erasmus 2021: si ritorna in Croazia!
Next post Oggi si vota, ma nessuno pensa alle persone transgender, no binary o androgine e al disagio creato dalla divisione fra “donne” e “uomini”