Tag: milano

Milano: ventenne stuprata mentre aspettava il tram
News dal mondo

Milano: ventenne stuprata mentre aspettava il tram

20 anni, universitaria, tornava a casa dopo una serata con degli amici. È successo a Milano, nella notte fra sabato 5 e domenica 6 febbraio in via Röntgen, zona Bocconi. La ragazza è stata soccorsa da una coppia che l'ha portata in ospedale facendo anche scappare l'aggressore (coppia che è stata fondamentale per riconoscere l'aggressore). Ha poi sporto denuncia ai carabinieri che sono riusciti a risalire a un 29enne, originario del Marocco, che è stato arrestato negli ultimi giorni con l'accusa di violenza sessuale. Fonte: Pinterest Quando diciamo che le donne non sono al sicuro neanche camminando per strada, purtroppo non scherziamo, né esageriamo. Un anno fa vi parlavamo della tragedia di Sarah Everard, uccisa e stuprata da un poliziotto mentre tornava a casa. Ma non è stata l'un...
San Donato (Milano): 8 le vittime dell’aereo turistico precipitato
News dal mondo

San Donato (Milano): 8 le vittime dell’aereo turistico precipitato

Ieri abbiamo assistito a una notizia terribile: un aereo turistico privato si è schiantato contro un edificio in via Marignano, a San Donato Milanese (Milano), causando la morte di tutte e otto le persone a bordo, tra cui si trovava anche un bambino. Il proprietario, che guidava anche il velivolo, era Dan Petrescu, uno degli uomini più ricchi della Romania, immobiliarista con un patrimonio stimato in tre miliardi di euro e soprannominato come il "miliardario ombra" proprio per il suo atteggiamento molto schifo e freddo. Si trovava a Milano di passaggio, diretto verso la madre 98enne che si trova in Sardegna. A bordo dell'aereo si trovava anche il figlio, Dan Strefan Petrescu, un amico canadese, Julien Brossard, di 36 anni, la moglie 65enne e anche Filippo Nascimbene, unica vittima ...
Milano, grande incendio di un grattacielo: «70 famiglie senza una casa, non è rimasto nulla»
News dal mondo

Milano, grande incendio di un grattacielo: «70 famiglie senza una casa, non è rimasto nulla»

Nelle ultime ore Milano è stata sconvolta da un gravissimo incendio che ha colpito un grattacielo, coinvolgendo 70 famiglie che ora sono rimaste senza una casa. Ancora oggi l'incendio non è stato spento, sebbene le persone siano state messe in salvo (non si può dire lo stesso degli animali "dimenticati" dai loro padroni), ma già i leoni da tastiera cominciano a dire cattiverie. Perché non importa se 70 famiglie hanno perso una casa, per loro importa che Mahmood vivesse in quell'edificio (e qui ci riferiamo anche al giornalismo italiano che si dimostra sempre per quel che è) e quindi via con le battutine sul fumo et similia. La solita ignoranza italiana. Fonte: Vigili del Fuoco L'incendio è scoppiato intorno alle 17.45 dal 15esimo piano del palazzo. Ha interessato due civici, i numer...
Razzismo a Milano da parte della polizia: cos’è successo?
News dal mondo, Opinioni attuali

Razzismo a Milano da parte della polizia: cos’è successo?

Ogni volta che un omofobo o un razzista, che sia un Pillon o un Salvini, affermano che in Italia non c'è un problema di discriminazione, succede una tragedia che fa fare loro una figuraccia. Siamo a Milano, un gruppo di ragazzi si diverte davanti al Mc dopo aver consumato la colazione. È molto presto, sono le sei del mattino circa. Cantano, ridono, suonano il clacson del monopattino, non fanno nulla di male. Finché non arriva la polizia, che in poco tempo chiama i rinforzi come se si trovassero davanti un gruppo di delinquenti. Ma perché parliamo di razzismo? Fra le persone in questione solo una era bianca, poi erano tutte nere o arabe. Una ragazza di Bergamo che si trovava a Milano insieme ai suoi parenti, uno arrestato e una in ospedale. Huda racconta di come i poliziotti la derides...
Crazy Cat Café vittima di una shitstorm iniziata da Twitch: recensioni false e chiamate fastidiose
News dal mondo

Crazy Cat Café vittima di una shitstorm iniziata da Twitch: recensioni false e chiamate fastidiose

Quando diciamo che oggi i social hanno dato il potere anche a chi non lo merita, non scherziamo. Quello che è successo a Crazy Cat Café è l'ennesima testimonianza di come internet, i social e soprattutto la società dia troppo potere a dei personaggi che non lo sanno sfruttare per migliorare la nostra quotidineità. Non ci aspettiamo che tutti donino i propri guadagni o che invitino a firmare petizioni, tuttavia dall'essere un essere umano decente e dal mandare (anche indirettamente) delle shitstorm a un negozio che ha riaperto da pochissimo tempo, la strada è abbastanza lunga. Fonte: Crazy Cat Café su Instagram Prima di iniziare a raccontarvi questa storia, voglio aprire una piccola parentesi: non è vero che «non è colpa dello streamer, sono stati i fans» come in molti stanno dicend...
Chiara Ferragni apre il suo temporary caffè: prezzo e location
Vip news

Chiara Ferragni apre il suo temporary caffè: prezzo e location

Quando vi abbiamo parlato della nuova iniziativa di Chiara Ferragni insieme alla Nespresso, non immaginavamo che un'altra novità sarebbe arrivata poco, ma Chiaretta non smette di darci novità, e infatti proprio oggi ha annunciato il caffè alle rose in un suo temporary caffè nella sua Milano, città in cui vive con Fedez e i figli. Inutile dirvi che sono partite, insieme alla curiosità, anche le critiche di chiunque ha sempre qualcosa da dire sull'influencer, come, ad esempio, il costo del caffè. Fonte: Instagram Da quando Chiara Ferragni, emozionata, ha lanciato la notizia, il web è esploso: chi vorrebbe andarci, chi c'è andato subito, chi lo ritiene troppo costoso e, addirittura, chi pensa che non debba chiamarsi caffè. Avete presente quando l'Europa, mentre la Polonia toglieva qual...