Tag: turchia

Turchia: la polizia arresta 33 persone durante il Pride LGBT
Flash News

Turchia: la polizia arresta 33 persone durante il Pride LGBT

Ah sì, la famosa Turchia di Erdogan, quella che esce dalla Convenzione di Istanbul con tantissime donne uccise dal proprio partner o da un familiare, ma anche quella che non ha un minimo rispetto per le persone LGBT. A proposito di ciò, gli studenti all'Università Bogazici di Istanbul si sono riuniti hanno organizzato un Pride, un evento pacifico. Allora come mai sono state arrestate 33 delle persone che vi hanno partecipato? Gli agenti antisommossa sono entrati nell'Università, hanno circondato gli studenti (disarmati!) che manifestavano per i diritti delle persone LGBT, muniti di bandiere arcobaleno. Sono stati arrestati i presenti, ammanettati come se fossero i peggiori criminali e portati via con i mezzi della polizia. Un gruppo ha anche tentato di resistere all'arresto. Perch...
Azra Gülendam Haytaoğlu, 21enne aspirante giornalista, trovata morta, il corpo è stato fatto a pezzi
News dal mondo

Azra Gülendam Haytaoğlu, 21enne aspirante giornalista, trovata morta, il corpo è stato fatto a pezzi

Parlare di tutte le donne che vengono uccise da uomini in cui ripongono la loro fiducia, sarebbe difficile quanto impossibile (perché fin troppe donne vengono uccise in tutto il mondo), tuttavia la storia di Azra Gülendam Haytaoğlu ci ha davvero colpito al cuore e non possiamo non raccontarla. È la storia di una ragazza che voleva combattere la violenza sulle donne, ma che si è trovata a essere una delle vittime. Azra Gülendam Haytaoğlu Azra Gülendam Haytaoğlu era una studentessa di Comunicazione al terzo anno, nel dipartimento di Giornalismo all'Università di Akdeniz. Era una sognatrice, voleva un mondo migliore in cui le donne avrebbero potuto camminare al sicuro, senza dover temere di essere uccise da un uomo. Era, perché la ragazza di soli 21 anni è stata uccisa da un mostro c...
Sofagate: la giustificazione di Michel, Von der Leyen: accaduto perché donna
Vip news, News dal mondo

Sofagate: la giustificazione di Michel, Von der Leyen: accaduto perché donna

Vi abbiamo già parlato dell'umiliazione che ha dovuto subire Ursula von der Leyen quando si è presentata, insieme al suo collega Charles Michel, ad Ankara in visita al presidente turco Recep Tayip Erdogan, soprattutto per parlare della situazione delle donne nel suo paese, in quanto ha deciso di uscire dalla convenzione di Istanbul. Adesso, dopo qualche settimana da quello che oggi chiamiamo sofagate, il presidente del Consiglio europeo Michel ha spiegato in Parlamento i motivi che lo hanno portato a non agire in alcun modo in difesa della sua collega. Fonte: twitter Quando il sofagate è divenuto virale e tutti hanno cominciato a commentare non solo l'azione di Erdogan che non aveva dato una seria a Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, e che quindi era costret...
Erdogan ha lasciato senza sedia la Presidente Von Der Leyen: Michel non muove un dito
Opinioni attuali, News dal mondo

Erdogan ha lasciato senza sedia la Presidente Von Der Leyen: Michel non muove un dito

È vergognoso anche solo raccontare questa notizia, tuttavia è necessario per far comprendere a chi ancora avesse qualche dubbio su Erdogan: il presidente della Turchia ha ricevuto nella giornata di ieri il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, e la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, tuttavia c'erano solo due sedie. Per i due uomini. E la Presidente? La presidente sul divano, di lato. La situazione si sarebbe potuta risolvere in così tanti modi ma probabilmente i due uomini non si sono neanche resi conto del gravissimo problema. Fonte: twitter Non avevamo molti dubbi sul rispetto che Erdogan, presidente della Turchia, nutra nei confronti delle donne, in fin dei conti proprio di recente ha deciso di ritirare la propria nazione dalla convenzione di...
Draghi preoccupato per i diritti umani, chiama Erdogan
News dal mondo

Draghi preoccupato per i diritti umani, chiama Erdogan

Abbiamo parlato più volte di quanto tragica sia la situazione in Turchia. Proprio di recente, infatti, lo stato governato da Erdogan è stato al centro delle attenzioni e con delle manifestazioni in piazza a causa della decisione di ritirarsi dalla Convenzione di Istanbul, il trattato che protegge le donne dalla violenza domestica e, considerando quanti femminicidi ci sono in Turchia, non è stata considerata una scelta molto apprezzata. Per questo, il nostro Mario Draghi lo ha contattato per indagare ed esporre i suoi dubbi. Fonte: twitter Ripetiamo, per chi non lo sapesse ancora, cos'è la Convenzione di Istanbul: «Questo nuovo trattato del Consiglio d’Europa è il primo strumento internazionale giuridicamente vincolante che crea un quadro giuridico completo per proteggere le donne co...
Forough Abbasi: la sciatrice iraniana che alle olimpiadi di Cortina ha fatto un appello ai diritti delle donne
News dal mondo, Vip news

Forough Abbasi: la sciatrice iraniana che alle olimpiadi di Cortina ha fatto un appello ai diritti delle donne

Oggi vogliamo parlarvi di Forough Abbasi, una delle sciatrici che ha partecipato alle Olimpiadi di Cortina che si sono svolte negli scorsi giorni. Tuttavia, a differenza delle altre, Forough non aveva come obiettivo solo quello di arrivare alla fine del percorso: lei voleva lasciare il segno in un altro modo, aiutando le donne turche, in particolare dopo che la sua allenatrice, Samira Zargari, non ha potuto lasciare l'Iran a causa del marito che non voleva. Abbiamo già visto qualche legge che vige in Turchia quando abbiamo parlato delle rivolte studentesche, ma non si ferma solo qui il problema, perché secondo la legge iraniana un marito può impedire alla propria moglie di viaggiare fuori dal Paese. Forough Abbasi spiega che «non è la prima volta che succede», e non si è fermata a q...
Femminicidio in Turchia: solo dopo due anni la verità
News dal mondo

Femminicidio in Turchia: solo dopo due anni la verità

Continuano i femminicidi nel mondo, quello in Turchia di cui vi parleremo in quest'articolo è avvenuto tre anni fa, nel 2018, e coinvolge una donna incinta, Semra Aysal. A ucciderla è stato il marito, Hakan Aysal, dopo essersi fatto un selfie in cui lei ha una mano sulla pancia e un grande sorriso sul volto. Inizialmente si pensò a un incidente, ma dopo tre anni la verità è venuta a galla. Hakan Aysal uccide la moglie e il figlio mai nato I fatti risalgono al 2018, quando, si pensava, una donna incinta era caduta dalla scogliera mentre ammirava la splendida vista della Butterfly Valley nella Mugla, in Turchia. Dalle foto sembravano una coppia felice, soprattutto lei che, molto fiera e orgogliosa, si accarezza la pancia, mentre un sorriso le si dipinge sul volto. Si vede che non avreb...
Erdogan contro le proteste universitarie
News dal mondo

Erdogan contro le proteste universitarie

Il presidente turco Tayyip Erdogan, noto omofobo, si è espresso contro quello che sta avvenendo nel suo stato, ovvero contro tutte le manifestazioni degli studenti e degli insegnanti dell'Università di Bogazici (Istanbul) che stanno lottando da un mese, soprattutto da quando Erdogan ha reso rettore un uomo scelto da lui e quindi con le sue stesse idee. Ha definitivo le proteste antigovernative e persino simili a quelle del 2013, definendo chiunque stia manifestando un terrorista. Le manifestazioni contro Erdogan Insegnanti e studenti hanno deciso di scendere in piazza nonostante tutto, nonostante il pericolo, nonostante il divieto, nonostante Erdogan, perché quest'ultimo ha scelto di rendere rettore Melih Bulu, un accademico ed ex candidato politico. Il motivo è che ritengono che la ...