Skam Italia 5: recensione della stagione dedicata a Elia [ALERT SPOILER]

Condividi

Dopo aver atteso per anni, forse troppi, finalmente abbiamo fra le mani la quinta stagione di Skam Italia, con protagonista Elia. In realtà, attesa per anni, e bruciata in una sola giornata. Per chi infatti ha il tempo, è impossibile non vedere una dopo l’altra le 10 puntate fra i 20 e i 30 minuti di questa stagione pubblicata su Netflix proprio stamattina. E noi, ovviamente, l’abbiamo già vista tutta e siamo pronti a recensirla insieme a voi. Non dopo aver parlato del tema di questa stagione e aver ricordato la trama delle precedenti.

«Un gruppo di amiche e amici del liceo J. F. Kennedy di Roma vive le prime esperienze di vita e affronta problemi più o meno importanti, interfacciandosi con tematiche come: l’amore e l’amicizia, la sessualità, la salute mentale, le dipendenze, la violenza e le molestie, la religione e la discriminazione in generale», questi sono gli argomenti principali di Skam Italia che, in ogni stagione, ha un protagonista diverso.

skam-italia-5-recensione
Le ragazze di Skam Italia

Nella prima abbia conosciuto Eva, la «fondatrice del gruppo di amiche composto da Eleonora, Sana, Silvia e Federica. La sua relazione altalenante con Giovanni, caratterizzata da dinamiche più complesse di quanto sembri, è al centro della stagione, che si conclude con la rottura fra i due». Giovanni, tra l’altro, è interpretato da Ludovico Tersigni, il prossimo conduttore di X-Factor.

La seconda stagione di Skam Italia invece ci fa entrare nel mondo LGBT con Martino, «che fa coming-out e si innamora di Niccolò, gay represso e affetto da disturbo borderline della personalità, con il quale infine intraprende una relazione. Martino deve anche confrontarsi con una situazione familiare drammatica», per cui affrontiamo i problemi che un ragazzo gay può affrontare, ma anche quelli di essere il partner di un ragazzo con dei disturbi.

Eleonora è invece la protagonista della terza stagione, che vive «un rapporto tormentato con Edoardo, che ha avuto un flirt con la sua amica Silvia. Eleonora, segnata dalla quasi totale assenza dei genitori, scoprirà che anche Edoardo ha un trascorso difficile, e quel che potrebbe separarli invece li unirà definitivamente». In questa stagione, che per molti non è all’altezza delle altre, arriviamo persino a parlare di revenge porn e pedopornografia.

Infine, nell’ultima stagione di Skam Italia entriamo nel mondo islamico con Sana, «divisa fra la fede musulmana, che le impone di sposare un altro fedele, e l’amore per Malik, che non pratica più l’Islam. Nel percorso che accompagna lei e tutti i suoi amici verso “la maturità”, sia scolastica che personale, Sana vive una crisi interiore da cui uscirà migliorata, senza rinunciare alla sua religione». E la quinta, invece?

La quinta ha come protagonista Elia «e la sua ansia da prestazione legata alle dimensioni sotto la media del suo pene», quindi allontanandosi dalla trama dello Skam originale per la prima volta, ma che diventa anche la prima serie a parlare apertamente e per un pubblico adolescenziale della micropenia, per cui vediamo insieme come il tema è stato trattato, se ha deluso o no le nostre aspettative.

Skam Italia 5: recensione [ALERT SPOILER]

Partiamo dalla scelta del tema: la delusione è iniziata quando abbiamo saputo che Elia era stato bocciato, in quanto si è persa l’occasione di parlare del mondo dopo la scuola, con le incertezze, magari l’università e non l’università meravigliosa dei teen drama americani, ma quella italiana con studenti che si suicidano. Una sorta di denuncia proprio in un periodo in cui noi studenti non siamo minimamente considerati nella politica e in cui i fuorisede dovranno pagare dei biglietti per tornare a casa e far valere il proprio diritto di voto. Tuttavia, la micropenia è comunque un argomento serio di cui soffrono diverse persone e intorno a cui c’è tanta ignoranza.

La stagione, comunque, inizia con i nostri ragazzi e le nostre ragazze (tutte tranne Eleonora) che si godono la vita: tutti che ridono e che ballano, finché non vediamo Elia baciare una ragazza, Alessia. E qui comincia ufficialmente la quinta stagione.

Primo episodio, primo drama: Luchino e Silvia stanno insieme, ma insieme a lei alla festa c’è una ragazza che lui conosce abbastanza bene in quanto lui le ha mandato delle… dickpic, con i suoi amici che scherzano e lo prendono un po’ in giro. La scena successiva invece si sposta su Elia, una scena che già abbiamo semi-visto nel trailer: le candidate a rappresentanti vogliono introdurre i preservativi nei bagni. Insomma, pochi minuti e già abbiamo compreso quale sarà il tema della stagione, visto che si comprende il disagio del protagonista.

È infatti chiaro sin da subito come Elia cerchi di trovare scuse su scuse per non stare con la banda in situazioni che potrebbero sfociare in esperienze sessuali per lui, e in particolare con Alessia, con cui l’abbiamo visto baciarsi all’inizio dell’episodio. E quando torna a casa e guarda le storie dei suoi coetanei su Instagram, è ancora più evidente. Il primo episodio si conclude con lui che si masturba proprio su queste storie.

skam-italia-5-recensione

Il secondo episodio inizia invece a scuola, con la presentazione dello psicologo scolastico, che non è più quello che c’era negli scorsi anni. Utopia sono le lezioni di educazione sessuale, in cui si parla del corpo, dei rapporti, insomma tutto quello che un adolescente dovrebbe sapere. Elia però sembra sempre estraneo. Molto carini sono gli sketch con Filippo, con cui il protagonista di questa stagione di Skam sta convivendo. E, a quanto pare, convivrà anche con Martino e Niccolò… e il non-fidanzato di Filippo.

È proprio Martino che parla per primo con Elia: cominciando a mettergli il dubbio di essere omosessuale, perché crede che lui si comporti proprio come faceva lui inizialmente. Comunque il protagonista si mette a lavorare, e si fa anche delle nuove amiche, proprio quelle che vogliono fare le rappresentanti di scuola, e proprio mentre sono tutti felici, l’episodio si conclude con Elia palesemente preso dall’ansia e dal disagio per il calzino scappato dai pantaloni.

Il terzo episodio di Skam Italia 5 invece inizia con Elia che legge dei commenti sulle dimensioni del pene su un forum, commenti con esperienze e che contribuiscono solamente a far deprimere di più chi già vive questa situazione. Commenti che, sia chiaro, si trovano online ovunque e di cui vi abbiamo anche parlato quando è stato presentato il tema della stagione. Posso dire un’altra cosa importante? Mi piace come le ragazze parlino esplicitamente di come «i fasci abbiano il doppio delle nostre firme», e di come sia importante andare a votare, visto che fra 24 giorni tocca anche a noi (anche se poi scopriamo che vogliono far chiudere la radio delle ragazze).

Altro episodio di disagio: la doccia dopo la partita di calcio. Tutti si spogliano, tranne Elia. Per i primi tre episodi, quindi, non si parla esplicitamente della micropenia, però si fa vedere quanto sia complesso per un ragazzo che ne soffre. Nel corso dell’episodio poi si convalida il rapporto con Viola, una delle ragazze che si candidano alla rappresentanza della scuola e che conosceva Elia sin da quando era più piccolo. I due, al parco, parlano d’amore e di relazioni, e lui ancora una volta sfugge all’argomento. Lei è uscita da una relazione con uno più grande, e perché proprio l’ex psicologo della scuola? Qui lo dico e qui lo nego.

Arriviamo quindi al quarto episodio, con Elia che chiede la mano dello psicologo scolastico dello scorso anno, che gli dice di non poterlo incontrare ma di affidarsi a quello che l’ha sostituito. In quest’episodio di Skam Italia i ragazzi suonano, vengono distribuiti dei preservativi con il nome della lista delle elezioni, ed è abbastanza tranquillo, non succede poi così tanto. Scopriamo anche chi va a trovare Elia al cimitero, ovvero sua madre, morta quando aveva solo 12 anni.

L’amicizia con Viola va avanti anche in questa puntata, sebbene sembri che fra i due stia nascendo qualcosa di più. E infatti si baciano, ed è una scena meravigliosa, posso dirlo? Bella musica di sottofondo, belle riprese, bel momento. Finché non si riaccende la luce. Sempre presente Filippo, che è un personaggio iconico che fa sempre tanto ridere e porta solarità in questa stagione di Skam Italia.

Siamo già a metà quinta stagione di Skam Italia: quinto episodio. Primo shock: la carbonara con il miele? E poi Elia parla a Niccolò di quanto gli piaccia Viola, e cerca anche delle pseudo scuse per giustificare perché fra loro non potrebbe funzionare, e infatti arriva anche a rifiutare un invito a cena di gruppo, ma in cui sarebbero stati solo loro due. Però sembra comunque intenzionato a proseguire con lei.

C’è anche una discussione con Sana, Silvia e Federica, e il protagonista di questa stagione la prende anche molto male, ma direi giustamente. È corretto che loro siano indignate, ma allo stesso modo non puoi essere saccente e pretendere di saper tutto di una persona. Le varie stagioni ci dimostrano come tutti sembrino felici agli occhi degli altri, ma poi quando arriva il momento di essere protagonisti, escono fuori i problemi. Ma comunque andiamo avanti: Viola ed Elia continuano a sentirsi e possiamo dire che sono veramente carini insieme? Anche se lei nota il disagio di Elia, con cui però lei non centra nulla e riesce a rovinare un po’ la situazione quando gli chiede se è gay.

È qui che vediamo per la prima volta la sofferenza di Elia. A causa di un disagio del suo corpo non riesce a stare con le ragazze che gli piacciono, e arrivano persino a pensare che sia omosessuale solo per questo motivo. Non che ci sia niente di male, però allo stesso modo non si deve pensare che se un ragazzo non salta addosso a una ragazza, sia gay. Però fa molto piacere che lui abbia trovato il coraggio di andare dallo psicologo scolastico, passo che non tutti riescono a fare.

E quindi qui vediamo tutte le cose che non vanno con Elia: la perdita della madre, il rapporto con il padre, la bocciatura e anche il rapporto con le ragazze. Poi vediamo la festa di fidanzamento del fratello di Sana, e anche qui Elia è molto a disagio, e i suoi amici se ne accorgono. Ci viene da piangere solo a guardare come non venga compreso dai suoi stessi amici, ma finalmente tutti si riuniscono e decidono di parlargli, e lui di aprirsi.

skam-italia-5-recensione

La scena è molto toccante, sinceramente, e posso dire che fino a ora questo è l’episodio migliore, quello dove davvero Skam Italia tratta della tematica. Le ragazze, tranne Sana, decidono di parlare con il protagonista e confessano che nessuna di loro è mai venuta con la penetrazione e fanno anche un bel discorso sull’educazione sessuale. E qui si chiude l’episodio.

Nel quinto, Elia cerca di risolvere con Viola, chiedendole scuse per come ha dato di matto per la sua domanda. Intanto incontra Luchino, che gli parla dei problemi con Silvia, e anche dell’insicurezza di lei in quanto lei può mettere like a chiunque, ma lui sta penando per un qualcosa che ha fatto prima che si fidanzassero. Poi il protagonista cerca conforto nelle amiche di Viola, anche consigliando loro di parlando con le ragazze della radio.

In quest’episodio parla anche con Sana, che gli confessa di chiedersi da sempre perché uno come lui volesse uscire con l’unica ragazza che non può avere rapporti sessuali, e lui le chiede scusa. Elia poi cerca di parlare con Viola, e le compra anche delle racchette da ping pong, ma lei non vuole saperne nulla. Intanto ritorna Edoardo, con Eleonora ma senza Eleonora, e che fa sapere a Luchino che certe cose sono normali, e che anche Silvia inviava foto sexy a Edoardo. E qui la situazione cambia.

È commovente, adesso, vedere come tutti contrabbandieri siano vicini al loro amico, conoscendo il suo disagio verso il proprio pene, in modo che anche lui si integri e continua a far parte della band, e in questo episodio si nota quanto tutti ci tengano. Alla fine dell’episodio Elia, forse anche a causa dell’alcol, trova il coraggio di provare ad avere un rapporto con Alessia, la ragazza del primo episodio, tuttavia non ci riesce ad andare avanti e usa la scusa dell’alcool.

Nel sesto episodio racconta ai suoi amici coinquilini com’è andata, e loro cercano di consolarlo e gli ricordano anche di parlare con lo psicologo. Quando però va a scuola, c’è una brutta notizia: Alessia ha sparso la voce e adesso tutti si prendono gioco di lui, deridendolo. Insomma, i soliti bulli. Comunque lui vuole parlarle, va alla Sapienza e lei confessa di averne parlato con un’amica e in questo modo lo hanno saputo tutti. Gli chiede comunque scusa.

Dopo Elia ne parla con Federica, e nel frattempo parte il social shaming. Lui non vuole più tornare a scuola, ma Federica gli fa capire che non è scappando che si risolve il problema, ma bisogna fregarsene. Qui lei gli fa notare che la chiamano Federicona da anni ed è comunque loro amica, e lui le chiede scusa per come l’ha fatta sentire. Al bar viene bullizzato dagli altri candidati a rappresentati, e lui perde la testa, e il bullismo continua ancora e ancora su Instagram, tanto che lui decide di disattivare le notifiche dell’app, piangendo.

E proprio mentre torna a casa, in bici, con il cellulare in mano a causa delle notifiche, viene investito da un’auto. Tuttavia, niente di grave, solo una contusione al ginocchio. In ospedale, però, va a trovarlo Viola, e finalmente parlano di loro, e lui le chiede scusa. E, come molti sospettavano (LO SAPEVO), l’uomo più grande con cui si frequentava lei era proprio lo psicologo della scuola, così tanto amico di Elia. E qui finisce l’episodio.

In che senso mancano solo tre episodi? Siamo all’ottavo episodio, ed Elia sembra essersi ripreso. Comincia anche a risanare un po’ il rapporto con il padre, andando a pranzo da lui e dalla compagna. Poi va anche a trovare i suoi amici e passano insieme una bella serata. Tuttavia, tornato a scuola, continuano i chiacchiericci, ma lui cerca di tenere la testa alta e sta solo con le persone che gli vogliono bene. E soprattutto affronta tutta la scuola, e noi siamo fortemente fieri di lui.

Parla a cuore aperto, davanti a tutti, dicendo quello che ha dovuto sopportare, quello a cui si è sottoposto. Ma soprattutto, dice ai suoi compagni di accettarsi, ed è un messaggio meraviglioso che fa comprendere quanto sia importante il tema di questa stagione di Skam Italia, tanto inizialmente criticato e sottovalutato.

skam-italia-5-recensione

In quest’episodio c’è anche il confronto fra le ragazze, Sana, Silvia, Federica ed Eva, e le candidate a rappresentanti, amiche di Elia. Oggi c’è il match finale. Anche Silvia e Luchino risolvono, e lei chiede scusa e lo ringrazia per non averle rinfacciato il fatto che lei abbia mandato foto. E quindi pace è stata fatta. Intanto Viola e Federica scoprono di condividere la stessa repulsione verso Spera, che quindi ci ha provato con entrambe, e chissà con quante altre.

Penultimo episodio, inizia con le elezioni, e Viola confessa a Elia di aver bisogno della compagna di suo padre, avvocata. Il motivo non glielo dice subito, ma è per Spera. Carmela, l’avvocata, consiglia di denunciare in quanto sono state manipolate e dovrebbero denunciare. A questo punto viene introdotto il tema delle donne che subiscono violenze, in particolare delle minorenni: vengono considerate poco di buono perché prima ci stanno e poi denunciano perché sono gelose. Ma ovviamente non è così.

Elia a questo punto, senza fare nomi, dice agli amici quello che lo psicologo, loro amico, ha fatto a più ragazze. Intanto le due vanno a denunciare, ed Elia le sostiene e sembra anche che abbia un rapporto migliore con la sua matrigna. Nel corso di quest’episodio scopriamo anche chi vince le elezioni: non chi volevamo, e speriamo che non prevedano quello che succederà il 25 settembre. Però intanto Elia e Viola parlano, e lei gli racconta anche della reazione dei suoi genitori: pensava che si sarebbero arrabbiati, ma in realtà le hanno chiesto scusa.

L’episodio dieci, quindi l’ultimo, si apre a scuola e le ragazze vanno a trovare Elia, con Federica che deve andare in 5F, perché? Perché un’altra ragazza è stata abusata dallo psicologo. Il protagonista poi riesce finalmente a comprare dei fiori da lasciare sulla tomba della madre. E mentre è lì, incontra il padre.

Quando torna a scuola, vediamo un Elia cresciuto, maturo, che va dallo psicologo e gli dice che non gli importa di chi ha scritto quelle cose su di lui, e iniziano a parlare apertamente del problema, in particolare dal lato psicologico. Scopriamo anche il motivo per cui Elia è stato bocciato: stava molto male mentalmente e si è presentato all’orale in maniera disastrosa, quindi è stato rimandato. Lo psicologo (e sessuologo) allora gli dice che non ha senso che lui inizi relazioni per fuggire, ma prima deve cominciare ad accettarsi, e ad amarsi.

In quest’ultimo episodio parliamo anche di HIV, in quanto il finto fidanzato di Filippo ne è affetto e lui si apre con Elia, che aveva visto le analisi in macchina. Lollo, come il protagonista, cerca di scappare invece di affrontare il problema, e pensa che Filippo stia con lui per compassione, ma ovviamente non è così.

Ci spostiamo poi alle ragazze che dicono addio alla radio, e posso dire di essermi commossa? Abbiamo visto la radio per la prima volta nella prima stagione di Skam Italia, e adesso non le vedremo mai più. E come la concludono? Lanciando un messaggio meraviglioso, in particolare Federica che parla delle molestie che ha subito, dicendo di non fare come lei, che si vergognava di quello che era successo, ma, al contrario di denunciare anche per aiutare gli altri. E poi, insieme, dicono addio alla radio.

Tutti i loro amici, però, sono lì insieme a loro, a sorpresa, pronti a festeggiarle e applaudirle. Posso dire che morirò a vedere i commenti di questa scena da parte degli stranieri? Perché ci sono i gesti inconfondibili di noi italiani e mentre noi li comprendiamo, per loro sarà proprio complesso comprendere.

Dopo questa scena, Elia e Viola aiutano a pulire la radio ma… restano chiusi all’interno. Lui le confessa che lo psicologo gli ha detto che non dovrebbe avere storie finché non si accetterà, tuttavia lui non sente di aver paura. E così i due si baciano. La quinta stagione di Skam Italia si conclude con forse l’ultima occhiata che daremo al liceo, e nessun indizio su chi sarà la prossima stagione.

Cosa ci lascia questa stagione di Skam Italia? Apprezzare noi stessi prima di tutto, parlare con i nostri amici, camminare a testa alta, essere empatici, parlare con un professionista e avere il coraggio di chiedere aiuto, qualsiasi sia il nostro problema. Abbiamo visto un Elia più maturo, che cresce ancora nel corso della stagione. Un Elia poi non così allegro come pensiamo, e che crolla e capisce che crollare è umano.

La storia è stata veloce, non ha annoiato, sebbene il filo conduttore fosse quello della micropenia, sono stati trattati anche quelli dei problemi con il proprio corpo, del bullismo, del cyberbullismo, della violenza sessuale su minorenni da parte di persone che hanno un certo potere su di loro, ma come al solito non si è risparmiato quello dell’amicizia, che è presente in ogni stagione di Skam e di Skam Italia. Non vediamo l’ora di vedere la prossima e sapere su cosa sarà incentrata.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.