Cruella: Emma Stone spiega perché non fuma nel film

Condividi

Quello che ci ricordiamo della Carica dei 101 o, più nello specifico, di Crudelia DeMon è la sua immancabile sigaretta, l’alone di fumo che si sente a distanza e che preannuncia il suo arrivo, insieme allo stile eccentrico e i suoi obiettivi molto discutibili. Tuttavia, per chi ha già visto il film Cruella, rilasciato il 26 maggio 2021 e disponibile su Disney Plus, si sarà accorto che la protagonista interpretata da Emma Stone non fuma: perché questa decisione che si allontana così tanto dal personaggio?

perche-cruella-non-fuma

La Carica del 101 è un film del 1961, per cui sicuramente tempi diversi. Non avevamo targhette sui cartoni che ci segnalassero che è sbagliato discriminare le minoranze e avevamo anche il fumo. Dal 2015, però, la Disney ha cambiato le regole e non è permesso a un personaggio di fumare, anche se questo personaggio è Cruella, anche se è una live-action di un vecchio film e anche se una delle sue caratteristiche è proprio la puzza di fumo. Ma ne faremo a meno.

«Ambientato nella Londra degli anni ’70 durante la rivoluzione punk rock, il film segue la giovane truffatrice Estella, una ragazza intelligente, creativa e determinata a farsi un nome con i suoi design. Fa amicizia con una coppia di giovani ladri che apprezzano la sua sete di cattiveria e insieme riescono a costruirsi una vita per le strade di Londra.

Un giorno, il gusto di Estella per la moda cattura l’attenzione della baronessa von Hellman, una leggenda dell’ambiente incredibilmente chic e spaventosamente haute. La loro relazione darà il via ad una serie di eventi e rivelazioni che porteranno Estella ad abbracciare il suo lato malvagio e a diventare la Crudelia vendicativa che tutti conosciamo.»

Insieme a Emma Stone ci sono anche Emma Thompson (sarà una baronessa), Paul Walter Hause (Orazio), Joel Fry (Gaspare) e Mark Strong (ruolo indefinito). Insomma, un cast che promette tanto bene. Poi, se pensiamo che dietro le quinte c’è anche Craig Gillespie, regista di Lars e una ragazza sua, che dirige il tutto. Inizialmente ci sarebbe dovuto essere al suo posto Alex Timbers, che però non è riuscito a liberarsi per Cruella.

Perché Cruella non può fumare?

perche-cruella-non-fuma

A spiegarci il motivo per cui Cruella non può fumare è proprio Emma Stone, che interpreta la protagonista del film, ovvero una giovane ragazza innocente che, piano piano, si incattivisce divenendo la diabolica Crudelia/Cruella che tutti noi conosciamo, ovvero ossessionata dalla pelliccia dei cani. Al New York Times, la giovane attrice molto popolare anche per il suo ruolo in The Amazing Spiderman, ha affermato:

«Non è consentito nel 2021. Non ci è permesso fumare sullo schermo in un film Disney. È stato davvero difficile non avere quel bocchino… ero così emozionata all’idea di avere attorno quel pennacchio verde di fumo, ma purtroppo non era possibile. Non voglio promuovere il fumo, ma non sto nemmeno cercando di promuovere lo scuoiamento dei cuccioli.»

perche-cruella-non-fuma

Ma non è solo la Disney ad aver preso questa decisione. Infatti prima di lei c’è anche la Warner Bros, dal 2005, e anche Netflix, nel 2019 ha affermato che «sostiene fortemente l’espressione artistica. Riconosciamo anche che il fumo è dannoso e, se ritratto positivamente sullo schermo, può influenzare negativamente i giovani» e quindi si è impegnato affinché nei film firmati con il loro nome il fumo venisse eliminato.

Quindi, non solo Cruella, non solo Disney Plus, sembra che molte case cinematografiche stiano cercando di non far del fumo un protagonista dei propri film. Cruella, intanto, sta ottenendo un ottimo successo, amato e apprezzato dalla gran parte degli spettatori. Sul sito Rotten Tomatoes ha raggiunto il 73% di gradimento, con 188 persone che lo hanno considerato un ottimo film. E voi lo avete visto? Vi è piaciuto, o preferite altro?

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Elliot Page ti chiediamo scusa per il giornalismo italiano
Next post Erasmus: ho fatto il vaccino!