La storia di Hilary Castro, 17enne molestata a Bogotá ma che non ha potuto denunciare (perché “dopo le 17 ci si occupa solo di casi urgenti”)

Condividi

Il 31 ottobre Hilary Castro, una donna di 17 anni di Bogotà, è stata aggredita in una stazione di Transmilenio, ovvero il servizio di trasporto pubblico della capitale colombiana, e in seguito, secondo quanto denunciato, molestata sessualmente. Quando il giorno dopo ha trovato il coraggio di denunciare, gli enti statali hanno respinto la denuncia per tre motivi: lei è minorenne, il molestatore è maggiorenne e «sono già passate le 17 e non è un caso urgente». In che senso una donna, per di più minorenne, molestata non è un caso grave? Da quel momento sono iniziate le proteste e il molestatore è stato arrestato e poi trovato morto in carcere.

La storia di Hilary Castro è divenuta popolare sui social: dopo la sua pessima esperienza ha infatti usato il potere dei media per esprimere la propria sofferenza e tantissime altre donne hanno cominciato a fare lo stesso. Dalla scorsa settimana ci sono state manifestazioni per criticare il Transmilenio, in quanto oltre il 70% delle donne, secondo i sondaggi, afferma di essere stata vittima o di aver subito molestie sessuali. Tre stazioni dei bus sono state vandalizzate dai manifestanti, rompendo bus o facendo dei graffiti sopra.

hilary-castro-molestia-sessuale
Manifestazione e graffiti su un bus

Spinti quindi dalla gogna pubblica, domenica scorsa la polizia ha arrestato Juan Pablo González e lo ha accusato di molestia sessuale e rapina qualificata e aggravata nel caso di Hilary Castro. Poche ore dopo, González, che ha negato le accuse, è stato trovato morto in un’unità di attenzione pubblica della Procura. Le autorità, secondo i media locali, stanno indagando se la sua morte sia dovuta a omicidio o suicidio. Sono trapelate informazioni sul fatto che il suo corpo avesse ferite.

La storia, però, non deve finire qui: Hilary Castro non ha avuto giustizia. Non è con la morte che si ottiene giustizia, bensì con un processo e la detenzione. E sicuramente il caso della Castro ha solo alzato un grande polverone sulle molestie sessuali che si verificano quotidianamente nel sistema di trasporto di Bogotá, messo in discussione dall’assenza di sicurezza e dal sovraffollamento. La stessa sindaca della città, Claudia López, ha denunciato la situazione:

«Fino a quando? Cos’altro deve succedere affinché il Ministero della Giustizia e del Congresso capisca che garantire giustizia invece dell’impunità per le rapine, le molestie e altri presunti “reati minori” dovrebbe essere la loro priorità? E che i pubblici ministeri e i giudici applichino le regole che già hanno?».

hilary-castro-molestia-sessuale
Manifestazione

La storia di Hilary Castro

In un video su Instagram, Hilary Castro racconta: «Ho visto che un uomo scendeva alla mia stessa stazione, ho iniziato a cercare ovunque e l’unica cosa che ho fatto è stato cercare di camminare più velocemente, perché questa era una stazione dove non c’era un solo poliziotto o una sola guardia». «Quest’uomo mi corre dietro e mi minaccia con un coltello, mi dice di dargli tutto, inizia a cercarmi e non riesce a trovare il mio cellulare e inizia a dirmi molte cose oscene», continua.

Singhiozzando, spiega di essere stata sotto shock e di non esser riuscita a rispondere alla situazione. Ha detto che l’uomo l’ha afferrata e trascinata fuori dalla stazione. Dopo aver rimosso il cellulare dal suo seno, dove era nascosto, l’ha portata dietro la stazione, ha abbassato i pantaloni e «l’ha costretta a fare sesso orale su di lui». Due ragazzi che hanno notato lo stupro l’hanno aiutata e le hanno prestato un telefono per chiamare sua madre. Dopo una giornata chiusa nella sua stanza, Castro ha deciso di denunciarlo.

hilary-castro-molestia-sessuale
Il molestatore

Tuttavia… La denuncia è stata respinta in quanto lei è minorenne e perché il suo aggressore era più vecchio di lei. «Voglio rendere pubblico questo caso perché non voglio che succeda a nessuna altra donna (…). Sono stanca di processi giudiziari che ci rivittimino e voglio chiamare l’Ufficio del Sindaco per vedere quanto sia sicuro il nostro trasporto pubblico è». La sindaca, come abbiamo detto, è dalla sua parte, soprattutto considerando che il molestatore era stato arrestato, rilasciato il 21 ottobre e poi dieci giorni dopo ha molestato la minorenne.

La sindaca López, femminista dichiarata, denuncia anche come «l’impunità sia l’anello mancante della sicurezza». I dati ufficiali infatti riportano che circa l’80% dei casi di violenza di genere rimane impunito in Colombia. Un’indagine del 2014 condotta da YouGov tra oltre 6.550 donne e specialisti in genere e pianificazione urbana ha stabilito che il Transmilenio è il sistema di trasporto più pericoloso al mondo per le donne. Nel codice penale colombiano, per giunta, non c’è alcuna criminalizzazione delle molestie sessuali nei trasporti pubblici. E allora le donne manifesteranno e continueranno a manifestare finché la Colombia non sarà sicura per loro. Per Hilary Castro e per tutte le altre.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.