Amazon limita i prodotti LGBT negli Emirati Arabi Uniti

Condividi

Amazon ha limitato i risultati di ricerca relativi alle persone LGBT e ai problemi sul suo sito Web negli Emirati Arabi Uniti, in seguito alle pressioni delle autorità dello stato del Golfo. Nel paese, infatti, i rapporti sessuali tra persone dello stesso sesso sono illegali negli Emirati Arabi Uniti, ma anche esprimere sostegno ai diritti LGBT potrebbe essere considerato un reato. Amazon ha confermato la notizia, dicendo che bisogna rispettare «le leggi e i regolamenti locali dei paesi in cui operiamo».

emirati-arabi-uniti-amazon-lgbt

La situazione LGBT negli Emirati Arabi Unita è tragica. Le persone LGBT sono perseguitate a Dubai, Abu Dhabi, Ras al-Khaimah, Umm Al Quwain, Ajman, Fujairah e Sharjah. Tutte le relazioni sessuali al di fuori del matrimonio eterosessuale sono un crimine. Le punizioni vanno dal carcere, alle multe e alla deportazione se non si ha la cittadinanza. Anche l’adulterio e la fornicazione sono reati. L’articolo 354 del codice penale federale recita: «Chiunque commetta uno stupro su una donna o una sodomia con un maschio sarà punito con la morte».

Nel 2013, addirittura, è stato annunciato che tutti i Paesi del Consiglio di cooperazione del Golfo avevano concordato di istituire una qualche forma di test, ancora sconosciuto, al fine di bandire e deportare gli stranieri omosessuali. Nel 2016, poi, il governo ha approvato il decreto federale n. 4 su una serie di modifiche per ridurre la responsabilità penale dei medici relative al cambiamento di genere. La nuova legge consente ai medici di eseguire un intervento chirurgico di riassegnazione del sesso, ma solo sulle persone intersessuali.

«La legge civile e la sharia criminalizzano l’attività omosessuale. Sotto la Sharia la pena di morte è la punizione per le persone che intraprendono una qualsiasi attività omosessuale consensuale. Non ci sono stati procedimenti giudiziari per attività omosessuali durante il 2011. A volte il governo sottoponeva le persone a terapie psicologiche e consulenze a causa della loro omosessualità. Il travestimento è un reato punibile. Il governo ha deportato i residenti stranieri travestiti e ha processato i propri cittadini».

Rapporto sui diritti umani del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti nel 2011

Addirittura, nel paese c’è anche un limite per alcuni siti web, monitorando chat room, messaggi e blog. Molte persone hanno trovato censurate le proprie conversazioni e identità digitali nelle chat room gay. E adesso anche Amazon è sottoposto a questa censura.

Amazon limita i prodotti LGBT negli Emirati Arabi Uniti

emirati-arabi-uniti-amazon-lgbt
La parata del Pride a San Francisco nel 2017. Quest’anno, la parata del Seattle Pride ha rifiutato Amazon come sponsor.
Fonte: New York Times

A condividere la notizia è stato il New York Times, scrivendo che Amazon ha deciso di limitare gli articoli e i risultati di ricerca relativi alle persone LGBTQ e ai problemi sul suo sito Web negli Emirati Arabi Uniti lunedì dopo aver ricevuto pressioni dal governo locale. Il governo degli Emirati ha concesso ad Amazon fino a venerdì per conformarsi sotto la minaccia di sanzioni, scrive il quotidiano americano utilizzando come fondi dei documenti dell’azienda.

«Le restrizioni di Amazon sui prodotti negli Emirati sono indicative dei compromessi che le aziende tecnologiche sono disposte a fare per operare in paesi restrittivi, anche quando dichiarano di essere irremovibili sulla libertà di espressione nel proprio paese», scrive il New York Times. Netflix, ad esempio, ha ritirato alcuni prodotti in Arabia Saudita e censurato delle scene in Vietnam. E a loro si accoda anche Amazon, che ha chiesto al suo team Restricted Products di adottare misure per rimuovere le singole schede di prodotto.

emirati-arabi-uniti-amazon-lgbt
Fonte: Pexels

I termini di ricerca mirati variavano ampiamente. Alcuni erano generici, come “lgbtq”, “pride” e “gay non dichiarato”, mentre altri indicavano ricerche intenzionali di prodotti, tra cui “bandiera transgender”, “spilla queer”, “reggiseno toracico per lesbiche” e “custodia per iphone lgbtq”. Tutti questi termini non hanno restituito “nessun risultato” quando il Times ha provato le query martedì e mercoledì. Diversi titoli di libri specifici sono stati bloccati, tra cui “La mia esperienza lesbica con la solitudine“, di Nagata Kabi; “Gender Queer: A Memoir,” di Maia Kobabe; e “Cattiva femminista” di Roxane Gay.

«Come azienda, rimaniamo impegnati nel nostro sostegno alla diversità, all’uguaglianza e all’inclusione. Crediamo che i diritti LGBTQ+ debbano essere protetti. Tuttavia, gli store di Amazon presenti in tutto il mondo devono rispettare le leggi e i regolamenti locali dei paesi in cui operiamo», ha detto Nicole Pampe, portavoce di Amazon.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.