Diego Fusaro e la gaffe sui contagi e i vaccini

Condividi

Che Diego Fusaro stia utilizzando ormai da mesi i propri profili social per creare una campagna anti-Green Pass come anti-lockdown come anti-vaccini, non è una novità. D’altronde basta aprire la sua pagina Twitter per rendersene conto. Degli ultimi 10 post, quelli dedicati al Covid-19 (o a qualche tema annesso) sono 9, e questo è il perfetto punto chiaro della situazione.

diego-fusaro-efficacia-vaccini
Uno dei post di Diego Fusaro su Twitter

Tuttavia, nelle ultime ore ha fatto una gaffe bella e buona, pubblicando dei dati che, secondo lui, sembra sarebbero stati a favore della sua causa (ovvero che nonostante i tanti vaccini ci sono comunque tantissimi positivi), ma se c’è una materia di cui ti puoi fidare, è la matematica, e la matematica dei dati condivisi dal filosofo, non è a suo favore.

Sì, ci sono molti più contagi rispetto a quelli che avevamo lo scorso anno nello stesso periodo, Diego Fusaro non ha torto. Ma non ha evidentemente preso in considerazione che ci sono anche molti più tamponi, e relazionando i tamponi rispetto ai positivi, la percentuale di questi ultimi è molto più bassa rispetto a quella dello scorso anno, quando ancora non avevamo il vaccino contro il Covid-19. Ma, soprattutto, non ha preso in considerazione le morti e le terapie intensive che sono molte di meno rispetto a quelle dei primi mesi di lockdown.

Il vaccino contro il Covid-19 non ti rende immune. Nessuno ci ha mai promesso l’immunità, o almeno nessuno di competente. Se poi vogliamo affidarci a dei politici che ne sanno quanto noi, è un altro conto. Ma nessun virologo, nessun medico ci ha mai detto che il vaccino ci avrebbe reso immuni, questo perché neanche il vaccino dell’influenza, che molti anziani fanno ogni anno, rende immuni. Semplicemente, vaccinandoti, non rischi di morire, non rischi di finire attaccato a un respiratore. Puoi prendere il Covid-19, ma per te sarebbe come un raffreddore.

Questi dati di fatto, tra l’altro, emergono proprio da quelli condivisi da Diego Fusaro, che però voleva dimostrare proprio il contrario. Il tweet incriminato infatti vede dei numeri in cui leggiamo «21 dicembre 2020, 87.889 tamponi e 10.872 positivi, 21 dicembre 2021, 851.865 tamponi e 30.798 positivi» e il filosofo ci aggiunge un «chiaro, no?». Beh, sì, è chiaro. Ma forse non nel modo in cui intendeva lui, e infatti subito viene contraddetto da tantissime persone che commentano il suo post.

Le risposte al tweet di Diego Fusaro

«Oh, finalmente anche a Diego Fusaro è chiaro: 1. che siamo in pandemia, 2. che le misure dello scorso anno hanno limitato il peggio, 3. che il vaccino è efficace», scrive un utente, facendogli notare che i suoi dati non vanno d’accordo con ciò che sostiere. Un altro invece è dalla parte del filosofo: «apprezzo il tuo tentativo di spostare il ragionamento a livello razionale, ma ti avviso, troverai un muro di stupidità che ti farà pentire di aver fatto questo passo. Un consiglio: lega le riflessioni in cui sei maestro ai dati oggettivi, senza scendere nei particolari dei dati».

Altri ancora fanno notare a Diego Fusaro l’assurdità del suo post: «Contro i vaccini e mostra dati a favore dei vaccini. E i goldoni che gli vanno anche dietro…ah, chiede di abbonarsi a un gruppo facebook per “parlare liberamente tra di loro”». «La cosa divertente è che crede di aver dimostrato la propria tesi. La cosa triste è che i novax che lo seguono, rinomati pozzi di scienza, ne saranno convinti», fa notare un altro utente, e un altro ancora: «Dati alla mano, #Fusaro, filosofo #novax e #nogreepass, voleva dimostrare che i #vaccini non funzionano, ma ha dimostrato invece che funzionano. Lo ringrazio per questo contributo alla campagna vaccinale».

«Sì: 12,37% di casi positivi nel 2020 e 3,61% nel 2021. Un crollo impressionante, grazie ai vaccini. Si chiamano percentuali, le spiegano alle medie», scrive un altro utente, facendo proprio notare come il suo post dimostri l’esatto opposto di quello che voleva intendere lui, visto che le percentuali sono a favore dei vaccini, contro cui vanno lui e i suoi followers. Riguardo le percentuali, sono in tanti che fanno notare a Diego Fusaro questo dettaglio: «La matematica, questa sconosciuta. Calcola le percentuali e guarda la differenza. Ti sarà tutto più chiaro. Eppure i grandi filosofi erano pure grandi matematici».

Insomma, Diego Fusaro avrebbe voluto dimostrare come i vaccini non siano efficaci, come in Italia la situazione sia critica comunque e che i contagi siano fin troppi nonostante le vaccinazioni che ci avrebbero dovuto salvare e che ormai sono praticamente obbligatorie, ma in realtà ha solo dimostrato come i vaccini abbiano salvato la vita a tantissime persone, oltre ad aver anche fatto diminuire i contagi. Che dire, grazie Diego Fusaro! Peccato che i suoi followers non l’abbiano compreso.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.