Dahmer – Mostro è la terza serie Netflix a superare un miliardo di ore di visualizzazioni

Condividi

Nonostante tutte le polemiche, nonostante le critiche, nonostante ci sia chi l’ha amata e chi l’ha odiata, Dahmer è ufficialmente la terza serie Netflix a superare un miliardo di ore di visualizzazioni. La serie ha come protagonista Jeffrey Dahmer, ed è stata già rinnovata per ben altre due stagioni! Secondo Netflix, le nuove stagione saranno concentrate «su altre figure mostruose che hanno avuto un impatto sulla società». Ad ogni modo, almeno questa volta il rinnovo è giustificato, in quanto è una serie da record.

dahmer-mostro-un-miliardo-di-visualizzazioni

Per chi ha visto la serie, o conosce semplicemente la storia, non è una novità che il serial killer fotografasse le sue vittime… Ebbene, quelle foto sono ancora di dominio pubblico, le si possono trovare facilmente cercandole su Google, e già questo è scandaloso. Ma qualcuno, come denuncia il New York Post, ha deciso di farci una vera e propria challenge: bisogna registrarsi mentre si guardano quelle foto per vedere la reazione. Già, proprio senza senso. A parte ciò, parliamo della trama ufficiale della serie.

Negli Stati Uniti, tra il 1978 e il 1991, un invisibile serial killer miete le sue vittime indisturbato lontano dagli occhi della polizia, colpendo principalmente minoranze, tra LGBT e persone nere. Ma quando odori repellenti, urla raccapriccianti e delitti impensabili cominciano pian piano ad emergere, le forze dell’ordine capiscono di dover intervenire al più presto per fermare questa furia omicida contro vittime innocenti che dura da oltre un decennio. Dahmer è anche una sorta di denuncia verso la polizia che non è minimamente intervenuta in quanto le vittime non erano bianchi ed etero.

dahmer-mostro-un-miliardo-di-visualizzazioni

Intanto, qualche giorno fa Ryan Murphy ha risposto alle varie critiche che ha ricevuto, in particolare al fatto che Netflix abbia eliminato la targhetta LGBT dalla serie: «la regola della mia carriera è stata: più sei specifico più puoi diventare universale. Inoltre non penso che tutte le storie gay debbano essere felici». «Da questo punto di vista è stata la cosa più grande che abbia mai visto, esamina davvero quanto sia facile farla franca se possiedi tutti i privilegi dei bianchi. E poi quali sono le regole adesso? Non dovremmo più fare film su un tiranno?».

Dahmer è la terza serie Netflix a superare il miliardo di ore visualizzate

Squid Game, Stranger Things 4, e adesso anche Dahmer – Mostro: sono queste le serie originali Netflix a guadagnare il miliardo di ore visualizzate sulla piattaforma, e Dahmer ci è riuscita dopo ben 60 giorni di presenza sulla piattaforma. Meglio sono andate le prime due serie, in quanto Stranger Things 4 ha superato gli 1.35 miliardi di ore in un mese e Squid Game ha superato gli 1.65 miliardi di ore sempre in un mese. Dahmer ha passato sette settimane nella Top 10 globale di Netflix in 92 territori, e attualmente è la seconda serie più popolare di sempre in lingua inglese appena sotto Stranger Things 4. La più popolare al mondo è sempre Squid Game.

dahmer-mostro-un-miliardo-di-visualizzazioni

Questi risultati dimostrano ancora una volta il valore di Ryan Murphy e l’importanza dell’accordo del papà di American Horror Story con la piattaforma streaming Netflix, per cui ha prodotto anche Ratched e Hollywood. Tuttavia, il successo della serie è anche merito dell’attore protagonista, Evan Peters, che in alcuni video ha parlato della difficoltà del ruolo, e di come si sia approcciato alla parte. Per lui «è stata una sfida indossare i panni di un uomo che apparentemente sembrava uno come tanti, ma che sotto la superficie covava un mondo a parte che teneva nascosto a tutti. Sarò franco, ero inorridito dai suoi crimini. Immergermi in quella realtà è stata tra le cose più dure che abbia mai fatto».

Immaginate come andrà con la seconda stagione, chissà se riuscirà a superare la prima! Noi non vediamo l’ora di scoprirlo.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.