Ahmed Joudier: l’autopsia conferma la morte per annegamento

Condividi

Ahmed Joudier, scomparso la scorsa settimana e trovato morto a inizio di questa, è morto per annegamento: lo conferma l’autopsia. Sul corpo del ragazzino non sono state trovate tracce di violenza o ferite, per cui per le forze dell’ordine appare improbabile poter attribuire a terzi responsabilità dirette sulla morte del ragazzo. Si pensava che fosse stato ucciso a causa degli ultimi messaggi lasciati su WhatsApp all’ex fidanzata.

ahmed-joudier-autopsia
Il giorno in cui è stato trovato il corpo di Ahmed Joudier

Nella mattinata di oggi 29 aprile è stato reso noto l’esito dell’autopsia effettuata all’Istituto di Medicina legale dell’Università di Padova. La Procura di Padova ha sequestrato cellulare, computer e PlayStation del giovane perché siano analizzati. È necessario adesso ricostruire gli ultimi giorni di vita di Ahmed Joudier per capire se la pista del cyberbullismo sia quella giusta oppure no.

Prima di scomparire, aveva mandato un audio alla fidanzata scrivendo: «Ora devo uscire…ho delle questioni in sospeso con alcune persone, più che altro penso che morirò, penso di sì, o se non muoio avrò delle ferite gravi, solo tu devi ascoltare questo audio, volevo dirti che ti amo tanto, tu non capisci secondo me, non mi dilungo non voglio essere sdolcinato, ma anche se sono sdolcinato non mi cambia più niente, ti dico solo questo, ti amo».

Potrebbe interessarvi: Trovato morto Ahmed Jouider, 15enne scomparso da Padova

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.