Tag: chiesa

Emanuela Orlandi: si torna a parlare della 15enne scomparsa nel 1983
News dal mondo

Emanuela Orlandi: si torna a parlare della 15enne scomparsa nel 1983

L'Italia è quel paese dove bambini e ragazzine scompaiono e non vengono più trovati, e chi di competenza decide semplicemente di non cercarli più. Abbiamo più volte parlato del caso di Denise Pipitone, che proprio di recente ha avuto uno spiraglio di luce, tuttavia, nelle ultime ore ci sono delle novità persino sul caso di Emanuela Orlandi, scomparsa il 22 giugno 1983, quando aveva solo 15 anni. Il suo caso, tra l'altro, è molto complesso, poiché coinvolge lo Stato Vaticano, lo Stato Italiano, l'Istituto per le opere di religione, la Banda della Magliana, il Banco Ambrosiano e i servizi segreti di diversi Paesi. E, nonostante ciò, ancora non si è arrivati alla verità. Emanuela Orlandi Sul caso di Emanuela Orlandi ci sono state diverse ipotesi, dall'allontanamento volontario da casa ...
Il Vaticano (Stato) non può essere denunciato per pedofilia e abusi sessuali (dei cittadini): lo ha stabilito la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo
News dal mondo

Il Vaticano (Stato) non può essere denunciato per pedofilia e abusi sessuali (dei cittadini): lo ha stabilito la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo

Martedì scorso la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo ha stabilito che il Vaticano non può essere denunciato per i casi di abusi sessuali che riguardano la Chiesa, questo perché è riconosciuta come un ente sovrano straniero. Sono quindi stati rigettati i 24 querelanti che nel 2011 avevano fatto caso alla Chiesa per come aveva gestito il problema degli abusi sessuali all'interno dell'istituzione. Inutile dire che la comunità in generale è molto indignata, poiché, religione o no, ente straniero o no, delle persone la cui vita è stata rovinata resteranno senza giustizia. Tuttavia, non c'è nulla di strano in questa notizia ovviamente strumentalizzata dai media. Parlando di Chiesa e abusi sessuali, ricorderete sicuramente il rapporto della Commissione indipendente sugli abusi nella Chiesa (...
Gli abusi sui minori da parte della Chiesa in Francia fanno accapponare la pelle
News dal mondo

Gli abusi sui minori da parte della Chiesa in Francia fanno accapponare la pelle

Il rapporto della Commissione indipendente sugli abusi nella Chiesa (CIASE) sulle violenze sessuali all'interno della Chiesa cattolica in Francia è davvero scandaloso e ci fa comprendere che essere cristiani non significa essere buoni. Sono più di 330 mila i bambini e le bambine che hanno subito degli abusi sessuali da sacerdoti o da persone laiche che hanno a che fare con la Chiesa. A chiedere questi numeri era stata la Conferenza episcopale francese, in modo da approfondire tutte le accuse che erano state rivolte negli ultimi anni alla Chiesa. Fonte: ANSA Il rapporto fa riferimento ai migliaia di casi di abusi sessuali su minori avvenuti negli ultimi 70 anni, e infatti è composto da 2500 pagine in cui si descrivono 3000 pedofili, di cui due terzi sono dei sacerdoti, mentre il res...
Papa Francesco: «Bestemmia chi cerca di modellare la chiesa sulle sue convinzioni»
News dal mondo

Papa Francesco: «Bestemmia chi cerca di modellare la chiesa sulle sue convinzioni»

Papa Francesco ancora una volta dalla parte delle persone, com'è giusto che sia. Se da una parte ha condannato la pedofilia all'interno della Chiesa, dall'altra è anche andato contro a chi sfrutta la Chiesa, la Bibbia, la religione per sostenere le proprie ideologie e convinzioni. Il nostro Papa dimostra ogni giorno di essere diverso, sebbene spesso sia portato a stringere la mano a persone con cui siamo sicuri non abbia nulla a che fare. Francesco sembra essere proprio il Papa del popolo, di tutto il popolo, senza fare differenze e discriminazioni, ed è per questo che non piace a tanti. Papa FrancescoFonte: Twitter La religione viene spesso messa in mezzo a campagne politiche, come quel leader della Lega che bacia il rosario e stringe la Bibbia durante i comizi, come se la religion...
San Marino: il 26 settembre si vota il referendum per rendere legale l’aborto
News dal mondo

San Marino: il 26 settembre si vota il referendum per rendere legale l’aborto

Continuano le discussioni sull'aborto, ma questa volta in uno Stato molto più vicino a noi. San Marino è il terzo Stato più piccolo dell'Europa e le donne sono ancora punite con il carcere se ricorrono all'aborto, anche se la donna rischia la vita portando a termine la gravidanza. In poche parole chiedono loro di scegliere fra la morte o il carcere. Tuttavia, finalmente i cittadini avranno il potere di cambiare questo: il 26 settembre si potrà votare il referendum per cambiare la legge risalente al 1865. Qualche giorno fa abbiamo gioito per la conquista di diritti delle donne in Messico, a cui sarà consentito abortire in tutto lo Stato senza rischiare il carcere.  «La donna deve chiedere ai servizi sanitari di eseguire l’aborto, e se si rifiutano di farlo, può andare da un giudice ...
La chiesa Metodista approva i matrimoni LGBT
News dal mondo

La chiesa Metodista approva i matrimoni LGBT

Mentre nella Chiesa cattolica ci si continua a domandare se sia giusto rispettare e non far convertire un omosessuale, la Chiesa Metodista è giusto qualche passo avanti e, con una maggioranza di 254 voti favorevoli rispetto a 46 contrari, la chiesa ha deciso di dare l'okay ai matrimoni fra persone dello stesso sesso. Tuttavia, se un ministro deciderà di non voler celebrare un matrimonio LGBT, sarà liberissimo di farlo. Considerando però la netta maggioranza dei voti a favore ci auguriamo che queste situazioni siano minime se non proprio assenti. Fonte: Tiscali Notizie Il metodismo è un'«espressione del protestantesimo che ha dato vita ad una delle chiese evangeliche più diffuse nel mondo (circa 70 milioni di fedeli), caratterizzandosi ovunque per profonda spiritualità, dinamismo eva...
Papa Francesco sostiene di nuovo la comunità LGBT: qual è la vera posizione del Pontefice?
Opinioni attuali, News dal mondo

Papa Francesco sostiene di nuovo la comunità LGBT: qual è la vera posizione del Pontefice?

In diverse occasioni ci è capitato di pensare che Papa Francesco fosse diverso, che ci tenesse davvero alla comunità LGBT o ai diritti umani in generale, a differenza di quello che molte volte ci è capitato di pensare riguardo alla Chiesa cattolica. Tuttavia, le ultime dichiarazioni riguardanti il DDL Zan ci hanno fatto fare un passo indietro e ci hanno fatto chiedere: «qual è la vera posizione di Papa Francesco sulla comunità LGBT? È diversa da quella della Chiesa oppure la sua è solo una facciata?». Fonte: Pinterest Se pensiamo al Vaticano e alla comunità LGBT ci viene subito da pensare alle orribili parole pronunciate da Papa Wojtyla che, nel 2000 in seguito a un Pride avvenuto a Roma: «Vorrei, a tale riguardo, limitarmi a leggere quanto dice il catechismo della Chiesa cattolica,...
“No benedizioni alle coppie omosessuali”, ma a molti preti non va bene
News dal mondo

“No benedizioni alle coppie omosessuali”, ma a molti preti non va bene

Abbiamo riportato la scorsa settimana la nota del Vaticano, approvata da Papa Francesco, in cui si decideva che le coppie omosessuali non potevano ricevere la benedizione da parte dei preti poiché peccatori. O meglio, un omosessuale avrebbe potuto riceverla, la coppia no. Insomma, la chiesa cattolica ha apertamente affermato di vivere ancora nel Quattrocento. Tuttavia, non tutti i preti sono d'accordo, soprattutto in Austria e in Germania. Fonte: twitter Papa Francesco ci piaceva. È stato il primo Papa a mandare messaggi positivi, anche verso la comunità LGBT e verso i genitori molto cattolici che, spesso, vedono i propri figli omosessuali come malati (un esempio è il ragazzo pazzo per Gesù, sebbene lui fosse cristiano evangelista), tuttavia anche lui deve sottomettersi a qualcosa ...
Polonia: i vescovi voglio «guarire» le persone LGBT in centri appositi
News dal mondo

Polonia: i vescovi voglio «guarire» le persone LGBT in centri appositi

Lo stato più omofobo di tutta l'Europa è la Polonia, è su questo, purtroppo, ci sono solo certezze. A partire dal Presidente dello stato, che non riconosce la comunità LGBT come persone, ma solo come mentalità, tanto da firmare una Carta della famiglia che proteggesse i bambini dalle persone LGBT. Lo scorso anno, durante il pride month e durante altri pride, gli omosessuali e chiunque li sostenesse sono stati attaccati durante i vari pride in diverse città polacche e i colpevoli erano gruppi di estrema destra che sostenevano Duda, ultranazionalisti, neonazisti e tradizionalisti cattolici. Quel tipo di persone che non comprendere che la libertà di esprimere la propria opinione non è più una scusante nel momento in cui sfocia nell'omofobia e nel sessismo. Tuttavia, le cose nel 2020 non sem...